Via al Palio di Gerenzano, l’attesa kermesse si è aperta nel pomeriggio di sabato 7 settembre 2019.

Via al Palio, la consegna del cencio apre le danze

Ad aprire l’edizione 2019 del Palio di Gerenzano è stata la consegna del cencio da parte del rione Burghet, vincitore dell’ultima edizione. Poi la benedizione del parroco don Franco Motta. Sul palco allestito in piazza del Mercato anche l’assessore alla Cultura Monica Mariotti. Auspicandosi bel tempo per tutta la settimana, gli organizzatori hanno ringraziato i volontari per l’impegno e la decorazione dei rioni. Hanno poi invitato a uno spirito di sana competizione.

Tema dell’edizione 2019 le civiltà perdute

Perfettamente riuscita la sfilata ispirata alle civiltà perdute, tema dell’edizione 2019. Il Gio’ Da Val si è cimentato con la Cina, il Madunina con Inca, Atzechi e Maja, il Burghett con i Greci, il Tupìni con i Vichinghi, il San Giacum con gli Indiani e il Funtan con gli Egizi.

“Vogliamo coinvolgere ancora più cittadini”

«Speriamo di bissare e di aumentare il successo dello scorso anno, quando a sorpresa il palio riuscì ad attrarre numerosi cittadini. Ora puntiamo a coinvolgerne ancora di più e le premesse sono buone, considerando il grande lavoro che i rioni hanno già fatto per decorare le loro vie. Solo così possiamo concretizzare lo scopo del palio, che è quello di aggregare e di far uscire i cittadini da casa», commenta Fabrizio Vanzulli, nuovo presidente de «I Colori di Gerenzano», l’associazione che gestisce il palio a livello burocratico. A organizzare il programma della settimana di iniziative è invece stato il comitato, composto dalla gran priora Eleonora Guzzetti, dal vice Matteo Taverna e da Roberta Angaroni, Andrea Viotti, Giulia Bombelli e Simone Vanzulli.

 

Leggi anche:  101esima Coppa Bernocchi: l'impatto sulla circolazione stradale

TORNA ALLA HOME PAGE E LEGGI TUTTE LE NOTIZIE