Vigili del fuoco di Legnano, festa per la patrona S.Barbara.

Vigili del fuoco, scambio d’auguri tra autorità

Il 4 dicembre si festeggia S.Barbara, patrona dei pompieri. Anche a Legnano, dove gli uomini del distaccamento cittadino hanno ospitato la tradizionale festa alla quale hanno preso parte diverse autorità del territorio: a fare gli onori di casa il responsabile provinciale  Tommaso Di Lena e i capodistaccamento Ernesto Pagani, insieme a loro i vari turni, il capitano dei carabinieri Compagnia di Legnano Francesco Cantarella (al suo fianco i comandanti di stazione di Cerro Maggiore, Parabiago, Cuggiono, Busto Garolfo, Castano e il vice di Rescaldina), la Guardia di Finanza e la Protezione civile.

Le foto:

Il ricordo di Raimondi

A gennaio era venuto a mancare Cosimo Raimondi, capodistaccamento e volto noto dei pompieri di Legnano. Presente alla festa anche la vedova Giuliana che poco prima, nella grande cerimonia a Milano, ha ricevuto un prezioso riconoscimento in ricordo del marito. “Il comando provinciale ha consegnato lei una benemerenza ufficiale per Cosimo – ha ricordato Di Lena -, noi tutti ne serbiamo un grandissimo ricordo”. Durante il discorso, sopra Legnano si è sentito il rumore di eliche: “Immaginiamo sia un elicottero dei vigili del fuoco con Cosimo sopra che ci sta guardando – ha proseguito Di Lena -, chi ha lavorato quotidianamente con lui ce lo ha nel cuore come una persona che viveva lo spirito del corpo dei vigili del fuoco. E questo è il messaggio che voglio lanciare per questa festa”.

Le attività del 2018

Di Lena ha elogiato il lavoro di squadra con le varie autorità sul territorio. “Ci chiamo vigili del fuoco, abbiamo fatto 1200 interventi, 200 solo di incendio: tutto il resto è altro, 38 interventi nelle abitazioni. E sottolineo che sono interventi che non facciamo da soli: le forze dell’ordine oggi presenti hanno sicuramente collaborato con noi. E questa sinergia è confermata anche dai ben 195 soccorsi a persona effettuati insieme da tutti gli enti dello Stato. Quando dobbiamo servire chi è in difficoltà, nei grandi e piccoli eventi, fondamentale è lavorare compatti e questa compattezza qui c’è”.
Ed ecco i dati, in aggiornamento, di quest’anno dai quattro turni (A,B,C,D),: 201 (pari al 16,75%) per incendi dei quali 38 (18,91%) in abitazione-edifici, 40 (19,90%) di autovetture-bici, 23 (11,4%) per canne fumarie, 3 (1,49%) in cantine-box, 19 (9,45%) i principi d’incendio, 9 (4,48%) di altri mezzi-macchine operatrici, 3 (1,49%) di baracche-capanni-orti e altrettanti di cabine-impianti elettrici, 2 (1%) di cascine-fienili, 3 (1,49%) di elettrodomestici-macchinari, 10 (12,94%) di rifiuti-cassonetti. Ben 751 (62,58%) gli interventi diurni con una media di 2,05 interventi, 449 quelli notturni (37,42%) con media 1,23.
Tra gli altri interventi: 45 per alberi-rami pericolanti, 109 per apertura porte e finestre, 72 per allagamenti, 20 per dissesti statici-verifica di stabilità, 65 per fughe di gas-monossido-esalazioni, 70 per incidenti stradali, 12 per oggetti e materiale pericolante, 8 per persone bloccate in casa, 195 soccorsi a persona, 40 di prevenzione e 4 per infortuni sul lavoro. Il mese più ricco di interventi? Agosto, con 151.

Leggi anche:  Bmw si ribalta a Rho, conducente miracolato FOTO

Leggi anche:
I vigili del fuoco piangono Cosimo Raimondi