Eseguito oggi, venerdì, l’abbattimento a Tradate della villa Giani all’angolo tra via Crestani e viale Marconi.

Villa Giani, restano solo le macerie

Una giornata di lavoro per demolire la villa Giani, la casa all’angolo tra la via Crestani e il viale Marconi acquistata dal Comune dopo una decina d’anni dal primo accordo, siglato dall’allora sindaco Stefano Candiani. L’attuale amministrazione guidata dal vicesindaco Claudio Ceriani ha portato a compimento la procedura, che nel frattempo era diventata anche materia d’avvocati. E ora, con l’abbattimento, “blinda” definitivamente il futuro di quell’area che sarà utilizzata per la realizzazione di una rotonda e non, come avrebbe preferito una parte della passata amministrazione di centro sinistra, per alloggi di edilizia popolare. Terminato l’abbattimento si procederà ora alla raccolta e rimozione delle macerie. I lavori per la rotatoria invece non inizieranno prima di giugno, quando sarà anche completata l’acquisizione di alcune aree dell’ex farmacia: l’intenzione è di aprire il cantiere dopo la chiusura delle scuole per arrivare a settembre con l’opera se non conclusa, almeno predisposta.

Le carte del progetto per la nuova rotonda:

LEGGI ANCHE: Villa Giani, il Comune chiude la partita e pensa alla rotonda

Il passaggio a livello non chiuderà

Cosa succederà all’area ora? Il timore, espresso più volte dall’opposizione (anche negli anni in cui era maggioranza) è che alla rotonda faccia seguito la decisione di Ferrovie Nord di chiudere il passaggio a livello di via Crestani. “Non è in programma – rassicura Ceriani – Quel passaggio non sarà chiuso. La rotonda sarà invece un ulteriore stimolo per l’allargamento della strada e del sottopasso di via Leonardo da Vinci, sul quale c’è un accordo con la Regione e Ferrovie Nord. Inoltre, intendiamo riportare nel Piano di Governo del Territorio la strada che attraverso la Nardi collegherà via Veneto a via Maroni. Questi tre interventi, una volta ultimati, permetteranno finalmente di rimediare ai danni causati dalla chiusura del passaggio a livello principale di Abbiate, quello di via Veneto. Inoltre la rotonda, che non rovinerà la vista del nostro viale alberato, costringerà gli automobilisti a ridurre il traffico e renderà più agevole la circolazione, soprattutto negli orari di entrata e uscita dalle scuole”.

Leggi anche:  Fondi per i Comuni, a Tradate 100mila euro: "Andranno sulle strade"

Il video dell’abbattimento:

LEGGI ANCHE: Sottopassi ferroviari Tradate: interventi nel 2019