Consigli per vivere meglio, in pole position c’è la casa. Partire dall’abitazione per fare qualcosa per l’ambiente. Un’affermazione proposta dall’autorevole Time che mette la prospettiva di una ‘abitazione verde’ ben al secondo posto nelle sue cinquantuno cose che possiamo fare per rallentare il processo di riscaldamento del globo. Una piccola guida con alcune delle ‘migliori idee per il pianeta’ semplificate, nella formula ‘consumare meno, condividere di più, vivere in maniera semplice’.

Consigli per vivere meglio riducendo l’impatto sull’ambiente

La casa, si diceva. Quella casa i cui consumi domestici solo negli Stati Uniti contribuiscono con il 16% all’emissione di gas serra sul totale nazionale. Ridurre l’impatto dell’uomo sull’ambiente non è solo questione di ciò che si guida (il riferimento è ovviamente al monossido di carbonio prodotto dalle auto). Ma anche una questione del luogo in cui si vive. L’importante però è agire, per così dire, dalle fondamenta: ovvero far installare fin dal momento della costruzione soluzioni e materiali che contribuiscano a massimizzare l’efficienza energetica della propria abitazione. Un’osservazione rilevante anche perché intervenire a casa ultimata risulta senz’altro più dispendioso. E poi, pensare semplice. Solo pochi e facili accorgimenti possono infatti ridurre ben del 40% i costi in bolletta, perché ‘non c’è bisogno di soluzioni da 24° secolo per problemi da 18°’.

Piccoli accorgimenti e interventi strutturali

Qualche esempio? Controllare la perdita di calore o aria proteggendo, all’occorrenza, finestre, porte e tutte le fessure; isolare dall’interno i pavimenti di solai, garage o cantine con materiali non tossici come, sembra impossibile, la stoffa dei jeans; sistemare il termostato un paio di gradi in meno in inverno e un paio in più in estate. Ci sono però anche interventi strutturali che dovrebbero venir presi in considerazione per favorire l’utilizzo di fonti di energia rinnovabile. Impianti a energia elettrica solare, generatori eolici e pompe di calore geotermico e sistemi per sfruttare la ventilazione naturale, come i passaggi d’aria.

Leggi anche:  Colore Pantone 2019, ora tocca al Living Coral

Una casa “green”

Altro consiglio, preferire sempre, se possibile, le case piccole e non solo perché le costruzioni grandi dal punto di vista architettonico possono trasformarsi in un’offesa all’ambiente, anche e soprattutto perché richiedono un dispendio di energia proporzionato alle dimensioni, oltre a un numero più elevato di materiali da costruzione con relativi scarti. In ogni caso è bene ricordare che una casa di medie dimensioni, ma pensata in ‘verde’, consuma comunque meno di una più piccola ma inefficiente per i consumi.