20enne di Saronno violentata in un casolare: arrestato l’ex fidanzato di 30 anni.

20enne di Saronno violentata in un casolare

Lui l’ha costretta a un rapporto sessuale sotto la minaccia di un coltello. Lei, terrorizzata, non è riuscita a opporre resistenza. Ma l’indomani, facendo ricorso a tutto il suo coraggio, lo ha denunciato ai carabinieri di Saronno. Mercoledì la fine dell’incubo: per l’uomo, trent’anni, senza fissa dimora e con precedenti penali, si sono aperte le porte del carcere. Lo ha disposto la Procura di Monza dopo un’indagine dei carabinieri della Compagnia di Desio. E’ accusato di violenza sessuale nei confronti della sua ex compagna.

I due ex si sono rincontrati dopo mesi

Entrambi tunisini, i due si erano lasciati da più di un anno, dopo una relazione turbolenta durata qualche mese. Lo scorso 8 ottobre si rincontrano, per caso, alla stazione ferroviaria di Saronno. Lui, “professione” spacciatore alla stazione di Cesano Maderno, le propone di passare la giornata intera insieme. Lei accetta. La sera, lei vuole tornarsene a casa, a Saronno. Lui si oppone, la schiaffeggia e la costringe a seguirlo in un casolare abbandonato, al confine tra Cesano e Seveso. E qui, sotto la minaccia di un coltello, la obbliga ad avere un rapporto sessuale.

Leggi anche:  Incidente tra camion e Smart: coinvolta una bambina di 2 anni FOTO

Il coltello era ancora nascosto sotto al materasso

La dettagliatissima descrizione della giovane tunisina consente ai Carabinieri di risalire alla cascina abbandonata teatro della violenza. Scatta il sopralluogo. E nel casolare i carabinieri ritrovano anche il coltello da cucina usato dal trentenne lo scorso 8 ottobre: era nascosto sotto il materasso del letto, esattamente dove la ventenne aveva spiegato di essere stata costretta al rapporto sessuale.