Dal 13 dicembre chi si recherà di notte al pronto soccorso di Abbiategrasso troverà chiuso. Nonostante le tante manifestazioni, la raccolta firme e le iniziative popolari infatti, la chiusura notturna del pronto soccorso del Cantù diventa realtà. Chi vi si recherà troverà un’auto medica per il trasporto ad altre stutture.

“Una decisione vergognosa, che mostra l’assoluta mancanza di rispetto nei confronti di 11 mila firme di cittadini raccolte dal Movimento per i diritti del cittadino malato – tuonano i membri di Cambiamo Abbiategrasso -, l’assoluta mancanza di considerazione nei confronti del Consiglio Comunale di Abbiategrasso e di molti comuni del distretto che hanno appena votato o stanno per votare un documento che chiede di rivedere il ridimensionamento del C. Cantù”.

“Uno schiaffo alla città, neanche una settimana dopo l’assemblea pubblica nella quale l’Assessore Regionale Gallera aveva “aperto” uno spiraglio alle modifiche richieste. Uno spiraglio che apprendiamo oggi essere stato in realtà solo una farsa. Non fermiamo la mobilitazione”.

Leggi anche:  26enne si sente male in stazione SIRENE DI NOTTE