Cronaca provinciale2 Luglio 2019

Atti osceni sul treno, arriva la Polfer

Il giovane, un senegalese di 26 anni, ha opposto resistenza ed è stato arrestato alla stazione Centrale di Treviglio.

Atti osceni

Gli atti osceni sono avvenuti venerdì mattina scorso su un treno che stava sopraggiungendo alla stazione Centrale di Treviglio. Il personale ha notato il giovane africano, un 26enne con regolare permesso di soggiorno residente nel milanese, che si stava toccando le parti intime davanti agli altri passeggeri. Episodi per cui già in passato l’extracomunitario era stato fermato.

L’arresto

Subito è stata allertata la Polfer di Treviglio che, all’arrivo del convoglio, si è messo alla ricerca del 26enne. Il giovane ha tentato la fuga, ma gli agenti sono riusciti a bloccarlo nel sottopassaggio ferroviario. Ne è nata una colluttazione, ma le forze dell’ordine sono riuscite comunque a bloccare il senegalese e ad arrestarlo. Il giorno dopo il ragazzo è stato processato per direttissima e condannato a tre mesi (pena sospesa) per resistenza. Per quanto riguarda gli atti osceni, il giudice non ha considerato il treno come luogo frequentato da minori e, in base alla normativa, non l’ha considerato reato e ha quindi comminato una sanzione amministrativa.

Leggi anche:  Scomparso da Arconate, ritrovato il corpo di Stefano

 Il plauso di De Corato

Sulla vicenda è intervenuto l’assessore alla Sicurezza della Regione Lombardia, Riccardo De Corato, commentando i risultati del lavoro svolto dalla Polizia ferroviaria lombarda nel corso dell’ultimo fine settimana. “Alla stazione di Treviglio – ha detto – un senegalese è stato arrestato per atti osceni in luogo pubblico e resistenza a
pubblico ufficiale. La stazione della bergamasca non è nuova a controlli e a fermi di extracomunitari; in altre occasioni sono scattati per spaccio di sostanze stupefacenti. Il mio plauso va ai costanti controlli della Polfer nelle stazioni lombarde. I continui arresti e i fermi testimoniano che queste aree sono come calamite per i delinquenti”.

2 commenti

  • So per certo che la signora Vecchiattini Francesca di Magenta è stata nominata Cavaliere al merito della Repubblica. Nessun cenno se non si è famosi? Il merito rimane il cittadino comune anche ed il territorio non ne beneficia. I miei più vivi complimenti
    .

    • E’ stata citata nel pezzo, ma essendo assente alla premiazione non abbiamo avuto modo di avere altre informazioni.Può contattarci senza problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *