Caso Ikea Corsico, cambiavano le etichette dei prezzi : licenziati 10 dipendenti.

Caso Ikea Corsico, cambiavano le etichette dei prezzi : licenziati 10 dipendenti

Dieci i dipendenti licenziati dall’Ikea di Corsico, tra cui un dirigente. Gli altri subiranno sanzioni disciplinari con la sospensione dal lavoro e dallo stipendio fino a dieci giorni. La vicenda riguarda la trentina di lavoratori che erano finiti nei guai un mese fa.

 LEGGI ANCHE: 30 dipendenti Ikea sospesi: alcuni rubavano mobili cambiando i prezzi

Il Caso Ikea Corsico

Alcuni erano stati accusati di sostituire nel negozio di Corsico le etichette con i prezzi: ad alcuni oggetti costosi, come piumoni, lampadari e altri mobili, erano applicate le etichette di merce presente nell’Angolo della occasioni, lo spazio che mette in vendita oggetti a prezzi bassi. In questo modo, mobili costosi venivano pagati pochi euro.

Inchiesta della Procura ancora in corso

Sulla vicenda c’è ancora in corso l’inchiesta della Procura di Milano che sta esaminando le responsabilità penali dei coinvolti, su cui pendono anche le accuse di ricettazione, in quanto gli oggetti di fatto rubati venivano venduti su internet.

La “sentenza” emessa da Ikea

I dipendenti, alcuni assistiti dai sindacati Filcams Cgil e Sgb, sono stati sentiti, caso per caso, da Ikea che ha formulato i provvedimenti di licenziamento per dieci impiegati e sanzioni disciplinari per gli altri coinvolti. Ecco la dichiarazione dell’azienda:

Un’indagine interna ha accertato che alcuni co-worker a Corsico hanno avuto gravi comportamenti mirati a danneggiare le risorse aziendali. IKEA sta prendendo i provvedimenti necessari per proteggere i suoi co-worker e il suo brand. Alcuni di questi provvedimenti disciplinari sono stati già emessi, altri saranno definiti nelle prossime settimane. I singoli provvedimenti disciplinari sono stati presi nel rispetto delle norme vigenti e del contratto collettivo di lavoro. Nel rispetto della privacy di ciascun co-worker non forniremo dettagli sulle singole decisioni di natura disciplinare. Tutte le nostre azioni sono state e sono pensate per preservare il rispetto reciproco e la collaborazione tra IKEA e i suoi co-worker.