Ieri mattina, martedì 19 novembre, un datore di lavoro e i Carabinieri hanno salvano la vita a un 45enne di Saronno.

Datore di lavoro e Carabinieri salvano la vita a un uomo

Un 54enne di Saronno, era alla guida della propria auto ed era al telefono con il suo datore di lavoro, quando ha accusato un malore, perdendo i sensi. Il principale dell’uomo, che al momento dell’accaduto si trovava a Milano, ha immediatamente chiamato il 112 seriamente preoccupato per le condizioni di salute di un suo dipendente. Quest’ultimo mentre era al telefono si era sentito improvvisamente male e, dopo essersi lamentato di non aver più forza nelle braccai, aveva lasciato cadere in un drammatico silenzio la conversazione telefonica. Il suo interlocutore, preoccupato, sapendo di fare la cosa più giusta, ha telefonato al 112, raccontando tutto all’operatore della centrale dei carabinieri di Saronno.

L’intervento dei militari

Il militare, vista l’urgenza dell’intervento da garantire e le poche informazioni di cui disponeva, ha pensato di ricostruire assieme al chiamante il presumibile percorso che il malcapitato probabilmente stava seguendo in quel momento. Quindi facendosi comunicare l’indirizzo dell’abitazione e la destinazione cui era diretta la persona bisognevole di soccorso, il carabiniere della centrale operativa ha allertato le pattuglie in circuito, ordinando loro di percorrere tutte le vie che dal domicilio portavano verso quella meta. Naturalmente, nel frattempo, lo stesso militare si era fatto dire anche il modello e il colore dell’auto. In pochi minuti una delle pattuglie attivate ha rintracciato la macchina che era effettivamente accostata sul ciglio di una via di Saronno, con all’interno il conducente accasciato su se stesso e privo di sensi.

Leggi anche:  Incidente tra camion e Smart: coinvolta una bambina di 2 anni FOTO

L’arrivo dei sanitari

Chiamati d’urgenza i soccorsi, i militari nel frattempo hanno praticato i primi soccorsi all’uomo 54enne che all’arrivo dei sanitari è stato prelevato dal veicolo e trasportato all’ospedale di Garbagnate Milanese, dove è stato affidato alle cure dei medici. Grazie al tempestivo intervento, l’uomo è stato dichiarato fuori pericolo.