De Corato sul campo rom di via  Monte Bisbino: “Luogo di delinquenza, va chiuso”. Il campo è al confine con Baranzate.

De Corato invoca la chiusura

Riccardo De Corato, ex vicesindaco di Milano e capogruppo di FDI AN in Regione Lombardia invoca la chiusura del campo dopo l’arresto di 4 nomadi nel centro di Milano sorpresi a rubare: “Il campo nomadi di via Monte Bisbino, ai confini tra Milano e Baranzate, è ormai diventato una presenza fissa nei mattinali delle forze dell’ordine La Polizia di Stato ha infatti eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di quattro uomini che vivono nel campo con l’accusa di aver commesso una decina di furti in appartamenti del centro di Milano. Durante la perquisizione nelle loro abitazioni, operata dalla Squadra Mobile, sono state sequestrate tre auto di lusso, orologi di valore, 67mila euro in contanti, monili in oro, penne di pregio. I quattro – di 18, 19, 25 e 42 anni – usavano la tecnica del sassolino. Prima ancora, e parliamo di pochi giorni fa, era stato arrestato un serbo di 52 anni con numerosi precedenti, mentre ancora prima un’italiana di 48 anni e il marito sono stati condannati in via definitiva a sei anni per il “alterazione di stato civile di neonato mediante la sua sostituzione”.

 I precedenti

Nell’ottobre 2013 gli uomini della Squadra Mobile di Milano catturarono, proprio nel campo, persino una latitante serba pluripregiudicata, con sulle spalle un numero di condanne pari a 14 anni e 6 mesi per usura, tentata estorsione e ricettazione. “Questa sfilza infinita di crimini commessi porta a una sola considerazione: il campo nomadi va sgomberato immediatamente, senza alcuna esitazione, dal momento che appare evidente a tutti la sua natura di ricettacolo dell’illegalità. Fino a quando dovremo ancora aspettare? Prefetto e Quesstore intervengano visto che Sindaci di Milano e Baranzate sono da anni impotenti!”.
Così