Disagi pendolari, la Conferenza dei sindaci dell’Alto Milanese sollecita la Regione.

Disagi pendolari, Cecchin chiede un incontro con l’assessore Terzi

Una lettera indirizzata all’assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile di Regione Lombardia Claudia Maria Terzi. A scriverla, per chiedere come il Pirellone intenda affrontare situazioni di emergenza come quella di mercoledì 4 luglio,  è il presidente della Conferenza dei sindaci dell’Alto Milanese e sindaco di San Giorgio su Legnano Walter Cecchin. “A nome dei 22 Comuni della Zona omogenea dell’Alto Milanese – si legge sul documento inviato all’assessore Terzi -, sono cortesemente a chiederle un incontro allo scopo di comprendere quali sono le problematiche che ormai costantemente interessano i numerosi pendolari della tratta Varese-Gallarate-Busto Arsizio-Milano, e come Regione Lombardia intenda affrontare situazioni di emergenza come quella qui sotto citata”.

Mercoledì nero a causa di un guasto alla linea elettrica

“Come assessore – prosegue Cecchin -, sarà sicuramente a conoscenza che il 4 luglio è stato un mercoledì particolarmente nero per i pendolari della tratta che si sono trovati impossibilitati a raggiungere il posto di lavoro o di studio a causa di un guasto alla linea elettrica. I comitati dei pendolari segnalano da anni la precarietà delle comunicazioni, la poca efficacia dei piani di manutenzione ordinaria e straordinaria e la mancanza di piani di emergenza con cui fronteggiare in modo dinamico situazione analoghe”.

Leggi anche:  Castellanza Servizi e Patrimonio, sede perquisita dalla Finanza

“Come sindaci non possiamo rimanere insensibili”

Cecchin esprime infine vicinanza ai pendolari, costretti a dover sopportare continui disagi: “Comprendiamo benissimo – scrive ancora nella lettera all’assessore Terzi – le difficoltà che Regione Lombardia, tramite Trenord, ha nella gestione di un sistema di trasporto così complesso; come sindaci, però, non possiamo rimanere insensibili di fronte ai numerosi disagi dei nostri cittadini pendolari”.

Occhi puntati anche sulla tratta novarese e su Rescaldina

“L’incontro – puntualizza Cecchin – sarà l’occasione per fare presenti anche i problemi della tratta novarese e di Rescaldina con Trenord”.