Mercoledì 8 agosto, intorno alle 15.30, due bambini di 6 e 12 anni sono stati travolti e uccisi da un treno a Brancaleone.

Ecco chi sono i due bimbi uccisi dal treno in Calabria

I due fratellini, Giulia (detta Gilla) e Lorenzo Pipolo, sono i bambini travolti e uccisi dal treno in transito sulla linea tonica tra Brancaleone e Locri mentre erano sui binari. I due, di 6 e 12 anni, erano in vacanza con la madre, Simona Dall’Acqua, la sorella maggiore Benedetta e il compagno della madre Antonio Alfonso Parpiglia. Erano in vacanza a Brancaleone poiché quest’ultimo, professore di lettere al corso serale dell’Istituto tecnico Giorgi in viale Liguria a Milano è originario di li. I bambini sono morti nell’impatto con il convoglio mentre la madre è in coma agli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria. Il compagno è rimasto illeso mentre la figlia maggiore non era presente al momento dell’impatto.

Di Albairate i bimbi uccisi dal treno in Calabria

La famiglia si era trasferita da qualche mese ad Albairate, esattamente a Cascina Faustina. I bambini da maggio frequentavano le scuole di Cisliano. C’è molto sgomento nella cittadina albairatese così come a Brancaleone. Il padre, Peter Pipolo, residente a Sondrio, raggiungerà in serata la cittadina calabrese.

Leggi anche:  Monumento vandalizzato, alpini al lavoro per ripulirlo

Un ampio approfondimento su Settegiorni Magenta Abbiategrasso in edicola da venerdì 10 agosto.