La tradizione del falò di Sant’Antonio è trascorsa con l’amaro in bocca per i gruppi Pro Loco di Busto Garolfo e Casorezzo e per il comitato No Discarica.

Niente falò: ecco perché

L’evento, che prevedeva l’accensione della catasta di legno per dare vita al falò, è stato infatti bloccato a seguito di un esposto da parte di ignoti.
Nella giornata di giovedì 17 gennaio gli agenti del comando di Polizia Locale di Busto Garolfo, come atto dovuto, sono dovuti intervenire nell’area del presidio anti discarica per impedire l’accensione del falò, perché in Comune erano giunte segnalazioni sulla presenza all’interno della legna accatastata di materiali non idonei.
Non solo l’evento della Pro Loco è stato annullato: giovedì nemmeno in tutto il paese e all’oratorio è stato possibile accendere il fuoco.

VAI ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE