Folla ai funerali del Cav Angelo Sciuccati, molto noto a Cerro Maggiore e Legnano.

Folla ai funerali di Sciuccati

Occhi lucidi, sguardi increduli. E quella grande voglia di dirgli grazie. Grande partecipazione e commozione ai funerali del Cavaliere Angelo Sciuccati, morto a 61 anni dopo un malore. Era una figura di spicco del territorio: a Cerro Maggiore era stato Gran Maestro del Palio delle Contrade (manifestazione che stava facendo rinascere insieme al nuovo comitato che l’ha ricordato nei giorni scorsi), era una delle anime dell’organizzazione del Carnevale cerrese, sempre in prima fila nel dare una mano agli eventi di paese (anche garantendo la sicurezza durante le iniziative all’audotorium comunale). Poi la presenza fissa e costante nella Protezione civile Interarma, ed era presidente del Fante di Legnano, associazione che lo ha ricordato dopo la sua scomparsa. E poi il suo affetto per la contrada S.Erasmo di Legnano. Lui, per anni, a vestirsi da Befana il 6 gennaio e a portare doni ai piccoli pazienti della Pediatria dell’ospedale di Legnano (dove ha lavorato nel settore anti-incendio). Uomo di destra, lo si vedeva poi impegnato durante le elezioni ed eventi politici.
Il santuario si è riempito di gente, tanti sono dovuti rimanere all’esterno, sotto la pioggia. C’era il sindaco Nuccia Berra (e suoi assessori), consiglieri comunali, l’ex primo cittadino Teresina Rossetti, l’Associarma, il Fante, Combattenti e reduci, la Protezione civile interarma, i gruppi di protezione civile della zona, esponenti della scuola e del volontariato, gli amici del Carnevale, quelli del Palio e della contrada del Corvo; sull’altare anche il coro Ars Nova.

Leggi anche:  Schianto in viale Sabotino: auto si ribalta

LE FOTO:

I ricordi

“La grande partecipazione a questa cerimonia – ha dichiarato il parroco don Roberto Verga durante l’omelia – testimonia il segno lasciato da Angelo. Vediamo qui bandiere, stendardi, divise. Ricordiamo il suo dinamismo col quale amava il suo paese”. “Ti conoscevamo tutti come ‘Lo Sciuccati – hanno ricordato dal reparto di Neuropsichiatria dell’ospedale di Legnano -: vogliamo ringraziarti per i sorrisi regalati ai nostri piccoli pazienti”.
E dall’associazione Fante: “Angelo era una persona speciale. Gli vogliamo bene”. Dalla famiglia un ringraziamento a quanti sono stati vicini in questo momento di dolore.

TORNA ALL’HOME PAGE DI SETTEGIORNI.IT PER LE ALTRE NOTIZIE