Giornata mondiale della gioventù: stanno vivendo un’avventura carica di emozioni i 28 ragazzi degli oratori di San Giorgio e Canegrate che oggi, domenica 27 gennaio, erano tra i 600mila giovani nel Campo San Juan Pablo II di Panama.

Giornata mondiale della gioventù: i nostri “inviati” a Panama

Sabato 19 gennaio, capitanati da don Andrea Citterio, i giovani pellegrini, che qualche giorno fa hanno ricevuto la benedizione dell’arcivescovo Mario Delpini, hanno inziato il loro viaggio oltreoceano per partecipare alla 34esima Giornata mondiale della gioventù che si terrà dal 22 al 27 gennaio. Tra questi, cinque sangiorgesi: Annalisa Canziani, Giacomo Lambertini, Laura Raimondi, Gloria Genoni e Chiara Quocchini.

Il racconto dei protagonisti

“Abbiamo colto l’invito guida di Papa Francesco che, rivolgendosi a noi giovani, ci esortava a cambiare il divano con un paio di scarpe e ad avere il coraggio di percorrere delle strade anche mai pensate e immaginate – racconta Annalisa -. Sulla scia dell’entusiasmo della Gmg di Cracovia dove siamo partiti oltre in cento e ispirati dalle parole del Santo Padre, ci siamo alzati da quel “divano” e abbiamo deciso di percorrere nuove strade che, già sbarcati sul territorio panamense, ci hanno condotto sull’isola di Taboga, poco turistica e con poche risorse, dove, in una sorta di gemellaggio, per tre giorni, prima di andare a Panama, siamo stati accolti dalle famiglie e abbiamo avuto l’opportunità di immergerci nelle loro abitudini”. Per autofinanziarsi il viaggio, i ragazzi, oltre a un proprio contributo personale, hanno raccolto fondi con la vendita di magliette, organizzato il torneo di calcetto con diverse squadre degli oratori dei dintorni e promosso una serata di cabaret messo in scena dai ragazzi degli oratori.