Il Gran d’Italia, il Gran Premio di Monza è salvo. O almeno un accordo di massima è stato raggiunto tra Aci e Sias da una parte e i proprietari del circus della Formula Uno, gli americani di Liberty Media.

Gran Premio, fumata bianca

Il Gran Premio d’Italia di Formula 1 sarà a Monza anche nei prossimi cinque anni: dal 2020, l’anno del centenario dell’Autodromo, al 2024. A riportare la notizia è il GiornalediMonza.it. Le parti hanno raggiunto un’intesa di massima per quanto riguarda gli aspetti economici del contratto di collaborazione che tanto avevano messo in allarme gli appassionati dei motori e messo anche non poco in subbuglio il mondo politico. A dare comunicazione dell’ormai imminente fumata bianca alla difficile trattativa di questi ultimi mesi è stato lo stesso presidente di Aci, Angelo Sticchi Damiani: “E’ stata raggiunta un’intesa di massima tra Aci Italia e Formula Uno sugli aspetti economici del contratto di collaborazione relativo al Gp a Monza fino al 2024. Proseguiamo la negoziazione con Liberty Media per giungere, in tempi brevi, alla firma del contratto”.

La soddisfazione del mondo politico

“Una bella notizia per l’autodromo di Monza, per il circus della F1 e per tutto il nostro territorio”. Così il consigliere regionale della Lega, Alessandro Corbetta, ha commentato le novità di oggi. “Ora l’auspicio – prosegue il consigliere regionale – è quello che si possa arrivare in tempi brevi alla firma ufficiale del rinnovo. Credo inoltre che sia giusto sottolineare l’importante e determinante ruolo che in questo ambito sta svolgendo Regione Lombardia”. Soddisfatto anche Andrea Mandelli, deputato di Forza Italia: “Il Gran Premio di Monza fa parte del patrimonio dello sport italiano, è un circuito storico”. Il rappresentante azzurro aggiunge: “Per Forza Italia è motivo di orgoglio aver contributo durante la scorsa legislatura a salvare un appuntamento così importante”.

Leggi anche:  Arrestato 31enne: in casa nascondeva 11 chili di droga

CLICCA QUI PER LEGGERE LE DICHIARAZIONI INTEGRALI DEL MONDO DELLA POLITICA