Il piccolo Andrea Andaloro, morto a soli tre anni e mezzo nel 2014 a causa di un’anomalia genetica, torna a vivere tra le pagine del libro scritto dalla madre Claudia Gaetani.

Il piccolo Andrea rivive nel libro della mamma

“Uno, due, tre e…quattro. 1234 i giorni vissuti con te” si intitola il libro della gerenzanese Claudia Gaetani, pubblicato dalla casa editrice “Kimerik”, che racconta sotto forma di diario la nascita e gli anni di vita del piccolo Andrea, strappato troppo presto all’affetto dei suoi cari durante una notte del 2014. La scrittura, come raccontato dalla stessa Claudia Gaetani a La Settimana, l’ha aiutata a sopravvivere al dolore troppo grande procurato dalla perdita di un figlio. Dai momenti bui, in cui rabbia e disperazione si fondevano in un unico stato d’animo, è nata la raccolta di poesie “Me” e subito dopo il libro uscito nelle scorse settimane. Quest’ultimo trae origine dai ricordi realmente trascritti in un diario che la gerenzanese ha iniziato a compilare fin dalla gravidanza, ignara di quanto il destino le avrebbe riservato. Ai ricordi gioiosi sui 1234 giorni vissuti con Andrea, si unisce poi la descrizioni del dolore seguito alla sua morte, le cui cause non sono state ancora scientificamente dimostrate.

Leggi anche:  Adotta il Pedibus e diventa volontario a Gerenzano

La presentazione del libro

La presentazione del libro “Uno, due, tre e…quattro. 1234 i giorni vissuti con te” si terrà in anteprima a Gerenzano, che ormai da molti anni è il paese d’adozione di Claudia Gaetani e del marito. L’appuntamento è per venerdì 30 novembre alle 18.30 all’interno di Palazzo Fagnani. Presenterà l’evento il giornalista Davide Bellombra.

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE