La Red October Pallacanestro Cantù, rappresentata da Christian Burns e Maurizio Tassone, ha fatto visita all’associazione sportiva dilettantistica BasketViva. In 300 a Carbonate per i due campioni.

Il BasketViva incontra i campioni

In 300 a Carbonate ad accogliere i due giocatori canturini tra allenatori, genitori, bambini e ragazzi. Quest’ultimi tutti rigorosamente in tenuta gialloverde, i colori societari della formazione comasca.

Al “PalaPuffo” di piazzale Gianfranco Miglio, ad attendere i due atleti della Red October una folta platea di appassionati, tutti ansiosi di conoscere da vicino i propri beniamini. Ad aprire la serata ci ha pensato Burns, con un’entrata scenica: l’italo americano è arrivato in palestra con il microfono in mano, incominciando a sussurrare qualche parola già dall’esterno dell’edificio, entusiasmando i presenti al momento dell’ingresso sul parquet.

Selfie e autografi un tifo da stadio per i campioni

I due giocatori biancoblù, dopo aver dato il “cinque” a tutto il settore giovanile del BasketViva, hanno preso posto al centro del campo dove si sono sottoposti a decine di domande. Dal giocatore preferito, al numero di scarpe. E ancora: dal canestro più importante realizzato in carriera, al sogno nel cassetto. Tante le domande, alle quali Burns e Tassone hanno risposto con grande sincerità e spontaneità. Dopo le domande tutti in fila per selfie e autografi su cartoline personalizzate, senza dimenticare la tradizionale foto di gruppo al termine dell’evento.

Leggi anche:  Natoli si dimette, il suo nome compare nelle indagini sulla 'ndrangheta

La Red October Pallacanestro Cantù ringrazia il BasketViva per l’ospitalità e per la calorosa accoglienza ricevuta.