Incassa la pensione del vicino defunto per 23 anni truffando lo stato per 370mila euro.

Incassa la pensione del vicino defunto per 23 anni

La Guardia di Finanza di Varese ha concluso le indagini nei confronti di una signora residente in un piccolo comune a pochi chilometri dal capoluogo, la quale, a partire dal 1994 e fino al 2017, ha riscosso la pensione di vecchiaia e la rendita INAIL del defunto avente diritto per l’ammontare complessivo di circa 370.000 euro.

Le indagini

Le indagini, scaturite a fronte di una segnalazione della direzione territoriale dell’INAIL di Varese, hanno consentito di acclarare che il titolare era legato da tempo alla signora da un rapporto di conoscenza e fiducia, tanto da delegarla a pieno titolo al ritiro delle somme spettanti.

Purtroppo, a causa di un difetto di comunicazione tra il comune di residenza e gli Enti pagatori, tenuto conto che nel 1994 non era ancora attiva la procedura informatizzata, quest’ultimi, all’oscuro dell’avvenuto decesso del beneficiario, avevano continuato ad accreditare fino ad ottobre del 2017 la somma spettante.

La dichiarazione di morte

La signora, pur consapevole di fruire di un illecito beneficio, ben guardandosi dal comunicarlo, aveva continuato per 23 anni a recarsi mensilmente allo sportello bancario e, senza destare alcun sospetto, prelevare in contanti il denaro. Solo nel gennaio 2018, avendo il timore di essere scoperta, ha presentato spontaneamente all’INAIL una dichiarazione attestante, falsamente, che il beneficiario era deceduto in quel mese, all’età di 103 anni, e pertanto non sussisteva più alcun titolo al pagamento.

Leggi anche:  Bimba di 4 anni ha un malore nella vasca, è in coma irreversibile

La Guardia di Finanza, grazie a successivi riscontri presso il comune di residenza, ha accertato agevolmente la reale data di decesso, avvenuta nel 1994.

La denuncia

Le Fiamme Gialle hanno quindi proceduto a denunciare a piede libero alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Varese la signora per truffa aggravata ai danni dello Stato e a svolgere i relativi accertamenti patrimoniali dai quali è emerco che il denaro incassato era già stato speso.

Al fine di recuperare le somme illecitamente corrisposte, l’INAIL ha interrotto immediatamente il pagamento della relativa rendita mentre l’ente previdenziale sta procedendo a trattenere, mensilmente, la pensione di reversibilità dell’indagata.

L’operazione delle Fiamme Gialle si inserisce nell’ambito del piano relativo al contrasto alle frodi al bilancio dello Stato e a tutela della corretta spesa pubblica e delle fasce più deboli della collettività.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE