Travolta da un cervo alle porte dell’ospedale di Tradate: più di 4 mila euro di danni all’auto e tanto spavento per l’infermiera di Venegono.

Infermiera travolta da un cervo

Travolta da un cervo in auto sbucato all’improvviso dalla boscaglia: animali selvatici sempre più vicini ai centri abitati e alle strade ad alto scorrimento. L’ incidente è avvenuto nella mattinata di giovedì. L’ungulato è sbucato all’improvviso dal  cosiddetto bosco della valle in via XI Febbraio, a pochi passi  dall’ingresso dell’ospedale.

 Tornava dal lavoro

La donna, I.S. un’infermiera specializzata di 50 anni di Venegono Superiore, aveva finito il turno di lavoro  e stava percorrendo via XI Febbraio a bordo di una Nissan. Era diretta verso Tradate quando a pochi metri dell’ingresso del Galmarini, ha notato un grosso cervo. Ha cercato di fermare la marcia, ma l’ungulato all’improvviso è balzato sul cofano.

L’animale ferito è fuggito

L’animale ha colpito la fiancata dell’auto ferendosi, come hanno dimostrano le tracce di sangue rimaste sulla carrozzeria, ma è fuggito facendo perdere le tracce. Ripresasi dallo choc l’ostetrica ha chiamato i soccorsi e sul posto si è precipitata una pattuglia della Polizia locale che ha raccolto le dichiarazioni ed effettuato i rilievi.

Leggi anche:  In casa aveva due chili di droga, arrestato un 22enne a Lomazzo

 Danni per oltre 4 mila euro

Oltre ad un grosso spavento la venegonese ha rimediato ingenti danni alla carrozzeria dell’auto: stimati in oltre 4 mila euro. La vittima ha presentato richiesta di risarcimento alla Regione.

 Aumentano gli incidenti con cinghiali e cervi

L’episodio ha riportato alla ribalta il problema degli animali selvatici ormai padroni dei boschi che sempre più frequentemente attraversano le strade trafficante. Non è la prima volta, infatti, che gli agenti sono chiamati a rilevare incidenti causati da cervi o cinghiali, che popolano il Parco Pineta. Agli agenti si sono rivolti anche alcuni residenti di via XI Febbraio segnalando la presenza di un cervo che da giorni girovagava nella zona, entrando anche nei giardini delle case probabilmente in cerca di cibo.