Ladri al cimitero, spariscono fiori e decorazioni. Il Comune annuncia nuove telecamere.

Ladri al cimitero, famiglie indignate

Fiori freschi, finti e anche decorazioni. Non c’è pace nemmeno al cimitero di Tradate, che continua ad esser preso di mira da ladri e balordi. Dopo gli ultimi casi eclatanti, come quello della famiglia Bianchi che si è vista sottrarre i fiori dalla tomba dei figli almeno 30 volte, e quello del loculo della 17enne Eleonora Cocchia (i cui ladri, due pensionati, furono identificati e denunciati”, un nuovo caso. Questa volta il bottino non sono stati dei fiori ma una decorazione in cristallo, un rosone, sottratto da una lapide. “L’abbiamo sostituita con una in vetro – spiega la famiglia – sperando sia meno appetibile. Come si fa a rubare in un cimitero? Non hanno dignità, rispetto e umanità, che siano dannati per l’eternità, maledetti”.

Il Comune, dal canto suo, da anni è alle prese contro i ladri di decorazioni, lampade votive e fiori. Nel caso del furto alla lapide di Eleonora, furono proprio le telecamere a permettere di identificare i colpevoli. Inoltre, sono state aumentate le pattuglie della Polizia locale nella zona ed è stato inserito un custode fisso. E ora l’Amministrazione sarebbe pronta a installare nuovi occhi elettronici, sperando di tutelare l’area sacra e chi vi riposa.