Ladri golosi tentano furto nel ristorante di Rescaldina, poi la fuga passando da Cerro Maggiore e San Vittore Olona. I ladri, due uomini di Parabiago, si fermano a Canegrate per mangiare una pizza e vengono arrestati dai carabinieri.

Ladri golosi tentano furto al ristorante

Avevano cercato di rubare all’interno di un ristorante di Rescaldina. Poi sono fuggiti. Pensavano di averla fatta franca ma sono stati traditi da quel trancio di pizza che avevano deciso di mangiare per colazione in un locale di Canegrate. E’ infatti qui che i carabinieri li hanno rintracciati e arrestati con ok della Procura di Milano per tentato furto aggravato in concorso e possesso ingiustificato di chiavi alterate e di grimaldelli in concorso.
Nei guai sono finiti due uomini, entrambi di Parabiago: uno di 51 anni e l’altro di 61. I due avevano deciso di entrare in azione nella notte di uno dei giorni scorsi. Intorno alle 4 i militari erano stati allertati di un furto che stava avvenendo all’interno del ristorante “Borgo siciliano” di via Pisacane a Rescaldina. L’amministratore delegato del locale e alcuni suoi familiari da tempo stavano allerta in quanto da tempo avevano subìto delle intrusioni. E così quella notte il fratello dell’amministratore aveva notato che qualcuno era penetrato nel ristorante mentre un altro individuo era rimasto all’esterno a bordo di un’auto. Il primo intruso aveva fatto scattare l’allarme, ne era uscito velocemente salendo a bordo anch’esso della vettura.

I ladri in fuga e la pizza

Da qui la fuga verso la Saronnese, direzione Legnano. Il fratello dell’amministratore ha subito allertato i carabinieri e, al tempo stesso, ha seguito i fuggitivi con la sua auto. Diverse pattuglie di militari hanno iniziato a seguire la vicenda.
Sul posto è stata inviata una pattuglia dei carabinieri di Parabiago e poi di Nerviano, l’attenzione dei militari si è spostata sul Sempione in quanto la vettura dei due ladri era stata avvistata là. La stessa auto, sempre seguita dal fratello dell’amministratore e tenuta d’occhio dai carabinieri, è transitata poi a San Vittore Olona e poi a Canegrate.
Ed è in questo ultimo paese che si è fermata, precisamente nel negozio “Il fornaio” di via San Giovanni Bosco. Il motivo? I due fuggitivi avevano fame e, come capita a molte persone impegnate durante l’orario notturno, hanno scelto quel negozio per comprarsi qualcosa da mangiare.
Arrivati sul posto, i carabinieri di Nerviano hanno subito notato parcheggiata all’esterno la vettura dei due parabiaghesi, all’interno del locale hanno trovato i due che si stavano gustando un pezzo di pizza. I due individui sono stati così identificati. Addosso non avevano nulla, ma la sorpresa è arrivata quando i militari sono andati a dare un’occhiata nell’auto: qui hanno rinvenuto uno scalpello di ferro, un cacciavite, due taglierini e una cesoia. Tutti strumenti utili per tentare furti e per i quali i due non hanno saputo spiegare perchè li avessero con loro. Così sono stati arrestati.

Leggi anche:  Niente presepe in piazza, la replica del sindaco

TORNA ALL’HOMEPAGE DI SETTEGIORNI.IT PER LE ALTRE NOTIZIE