Un incidente si è verificato a Menfi, all’altezza di un quadrivio in contrada Terranova, il 15 agosto. Un’utilitaria, uscendo da uno stop,  ha tagliato la strada ad una Nissan Qashqai. Questa è andata a scontrarsi contro un palo di ferro che si trovava a lato della strada in manutenzione al posto del guardrail.

Lutto a Turate per la morte del piccolo Marco

Nell’incidente è stata coinvolta la famiglia Castelli di Turate: mamma Antonella, papà Gualtiero e il piccolo Marco. I genitori sono usciti leggermente feriti mentre il bimbo di sette anni, che era sul seggiolino posteriore, è stato trafitto dal palo di ferro che ha attraversato la carrozzeria dell’auto. Le condizioni di Marco sono apparse subito gravi a causa di gravi lesioni interne. Subito è stato trasportato in elicottero all’ospedale Civico di Palermo dove è stato sottoposto a un’operazione d’urgenza per ridurre l’emorragia ma il suo cuore si è fermato la scorsa notte.

I funerali

Questa mattina a Partanna, il paese della mamma, maestra alle scuole elementari di Turate, si svolgeranno i funerali del piccolo. Sono state sospese tutte le manifestazioni pubbliche in programma, in segno di lutto. Nel pomeriggio la salma di Marco arriverà a Milano. Già ieri i parenti del piccolo che vivono in Brianza si sono messi in viaggio alla volta della Sicilia.

Leggi anche:  Continuano le ricerce di Franco Prezioso, scomparso il 15 settembre

Le indagini

I Carabinieri di Melfi stanno indagando per stabilire l’esatta dinamica ma soprattutto per capire se, nel caso in cui ci fosse stato il guardrail al posto del palo di ferro, il bambino si sarebbe potuto salvare. Sembrerebbe che su quel tratto di strada, che si affaccia su un dirupo al fondo del quale scorre un fiume, fossero in corso dei lavori di sistemazione ma non si sa se il committente è il Comune di Menfi o la Provincia di Agrigento. Sarà la Procura di Argigento a scegliere se inserire nel fascicolo degli indagati anche gli amministratori di Comune e Provincia oltre all’automobilista che ha tagliato la strada e ai responsabili del cantiere che, nel giorno dell’incidente, era fermo.