Il 26enne marocchino si è scagliato anche contro Polizia e Carabinieri

Ubriaco ha sfidato i rappresentanti delle forze dell’ordine

Chiede di essere accompagnato da Milano a Rho ma quando arriva in corso Europa, picchia il tassista per non pagare il conto e sfida Polizia e Carabinieri dicendo di essere un campione di Kick boxing. E’ stato arrestato con l’accusa di resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale e per aver rifiutato di fornire le proprie generalità il marocchino di 26 anni che l’altra notte ha creato scompiglio in corso Europa a Rho. Il giovane si era fatto accompagnare da un taxi dalla zona dei Navigli a Rho, ma quando è arrivato in corso Europa  si è rifiutato di pagare, tenendo un atteggiamento violento e aggressivo nei confronti del taxista e accusandolo anche di avergli sottratto il portafoglio.

Tassista colpito a una gamba

Il tassista nel cercare di farsi pagare, veniva colpito ad una gamba dal cliente che, nel tentativo di allontanarsi cercava di scavalcare un cancello e, solo l’intervento del tassista, gli evitava una rovinosa caduta. Un passante chiamava il 112 ed all’arrivo dei poliziotti, l’atteggiamento violento ed aggressivo veniva rivolto a questi ultimi che tenuto conto della notevole mole fisica dell’uomo chiedevano anche l’intervento dei carabinieri.

Leggi anche:  Buscate, auto finisce nel canale - LE FOTO

Sono un campione di Kick boxing

All’arrivo dei Carabinieri l’ubriaco si alterava ulteriormente, manifestando atteggiamenti di sfida nei confronti degli stessi e, strappandosi di dosso i vestiti per mostrare la sua prestanza fisica, riferiva di essere un campione di Kick boxing e più volte cercava di colpire i rappresentanti delle forze dell’ordine per guadagnarsi la fuga, inutilmente. La destrezza del personale di polizia evitava che i colpi li raggiungessero e solo l’intervento congiunto di Polizia e Carabinieri consentiva di bloccare l’energumeno e di assicurarlo con le
manette di ordinanza.

Sedato dai medici del pronto soccorso e arrestato

Portato in ospedale, il 26enne marocchino risultava aver consumato alcool e droghe e, visto che continuava ad avere un atteggiamento aggressivo, veniva sedato dal personale sanitario. A.O., queste le generalità dell’uomo, veniva poi portato in Commissariato dove veniva arrestato per resistenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale e per aver rifiutato di fornire le proprie generalità; lo stesso risulta aver precedenti di polizia per aver tenuto in altre circostanze medesime condotte delittuose. Nei confronti dell’arrestato è stato avviato il procedimento per l’irrogazione della misura di prevenzione dell’allontanamento con divieto di ritorno nel comune di Rho.