Ha finto di aver vinto i 5milioni grazie a un gratta e vinci

Pensava di poter perdere i figli

Per evitare la separazione dalla moglie e la perdita dell’affido dei figli, per un anno e mezzoha finto di aver vinto 5 milioni di euro con un gratta e vinci comprato a Pero. Quando la consorte ha iniziato ad avanzare dubbi sulla vincita, ha simulato il proprio sequestro da parte di una banda di slavi interessati ai soldi.

Protagonista un piazzaiolo

Il protagonista è un egiziano di 55 anni, denunciato per simulazione di reato e procurato allarme dai carabinieri a cui aveva inizialmente denunciato il sequestro il 24 agosto. Aveva detto di essere stato aggredito sotto casa, costretto a salire in auto con un coltello puntato al fianco e minacciato da uomini dell’est. I militari della tenenza di Pero hanno accertato che in effetti la notizia della sua vincita era nota in paese e hanno disposto servizi di sorveglianza per l’egiziano. L’uomo, incensurato, aveva lasciato il lavoro da pizzaiolo, in un noto locale del centro del paese, proprio per dare forza alla sua storia e raccontava di essere ancora in attesa dell’accredito dei soldi sul conto.

Leggi anche:  Where Are U: dopo la tragedia in Cilento, oltre un milione di persone ha scaricato la app che salva la vita

Accertamento alla Lottomatica

Dopo alcuni giorni, però, gli investigatori hanno notato qualcosa di strano: poco prima della vincita la coppia era in via di separazione e subito dopo la notizia del gratta e vinci, la moglie aveva denunciato per maltrattamenti un altro uomo che si è scoperto essere il suo amante. Sembra infatti che l’uomo abbia reagito male quando gli ha detto di voler tornare col marito. La conferma definitiva della bugia dell’egiziano è arrivata con un accertamento alla Lottomatica, dove hanno smentito la sua vincita. A quel punto l’uomo è crollato e ha ammesso ai carabinieri di averlo fatto solo per evitare la separazione e la perdita dei propri figli. Quando gli hanno chiesto come pensava di uscirne ha risposto: «Sapevo che sarebbe finita ma ogni giorno in più con i miei figli era importante»