Picchia la moglie, poi aggredisce anche i carabinieri.

Picchia la moglie, 9 mesi di reclusione

Botte e minacce, armato di coltello, rivolte alla moglie. Sono dovuti intervenire i carabinieri di Mozzate per fermare la scorsa notte la furia di un 54enne di Carbonate. A chiamarli proprio la donna, che ha riferito i fatti ai militari giunti sul posto per calmare l’uomo e garantire l’incolumità della moglie. Alla vista delle divise però il marito si è scagliato contro di loro, colpendone uno di striscio con una testata. A quel punto i militari hanno immediatamente proceduto con l’arresto, con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale e maltrattamenti contro famigliari e conviventi. Processato per direttissima dal Tribunale di Como è stato condannato a 9 mesi di reclusione ma rimesso subito in libertà con pena sospesa. La moglie invece è stata portata al Pronto Soccorso con diverse contusioni giudicate guaribili in 3 giorni.

LEGGI ANCHE: Omicidio Senago, la lettera del marito prima di uccidere la moglie