Il primo cittadino della città del Carroccio Gianbattista Fratus è stato arrestato dalla Guardia di finanza di Milano. Ai domiciliari è finita anche Chiara Lazzarini (Forza Italia), assessore al Decoro e all’Arredo urbano, al Patrimoni e alle Opere pubbliche. Per il vicesindaco Maurizio Cozzi, titolare della delega al Bilancio, si sono aperte invece le porte del carcere.

LEGGI ANCHE:

Arrestato il sindaco di Legnano

Operazione Piazza Pulita: corruzione a Legnano VIDEO

Prefetto sospende Fratus e commissaria il Comune

L’Operazione Piazza Pulita, iniziata nel marzo 2018, ha portato a numerose perquisizioni e un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di tre soggetti indagati a vario titolo per turbata libertà degli incanti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e corruzione elettorale. Interessati sono il sindaco di Legnano Gianbattista Fratus, l’assessore e vicesindaco Maurizio Cozzi e l’assessore ai Lavori Pubblici Chiara Lazzarini. A Fratus e a Lazzarini sono stati concessi gli arresti domiciliari mente Cozzi è in carcere. Nel primo pomeriggio di oggi, giovedì 16maggio, il prefetto di Milano, Renato Saccone, ha disposto la sospensione del sindaco Fratus, del vicesindaco Cozzi e dell’assessore Lazzerini. Considerata la necessità di mantenere il normale funzionamento del Comune, è stato nominato come commissario per la provvisoria gestione il vice prefetto Cristina Cirelli.

Leggi anche:  "Legnano non dimentica" ricorda le vittime delle bombe

Comitato Legalità a Legnano: “Dimettetevi”

Il Comitato Legalità a Legnano qualche ora, prima della decisione del prefetto, aveva pubblicato su Facebook un post con la richiesta esplicita delle dimissioni immediate dei consiglieri rimasti:

“Chiediamo un sussulto di dignità.
I Consiglieri comunali rimasti in carica si dimettano tutti immediatamente.”