Processo Piazza pulita, chiesti altri sei rinvii a giudizio.

Processo Piazza pulita, nuovi sviluppi

Chiesti nuovi rinvii a giudizio nell’ambito dell’indagine Piazza pulita, che lo scorso 16 maggio ha portato all’arresto dell’ex sindaco Gianbattista Fratus, del suo vice Maurizio Cozzi e dell’ex assessore Chiara Lazzarini. Martedì 19 novembre il pubblico ministero Nadia Calcaterra (nella foto durante la conferenza stampa indetta in Procura a Busto Arsizio subito dopo gli arresti) ha chiesto infatti che siano processati il presidente del Gruppo Amga Catry Ostinelli, l’ex direttore generale della spa Paolo Pagani, l’ex direttore generale di Euro.pa service Mirko Di Matteo, l’ex candidato sindaco alle ultime elezioni amministrative per la lista Alternativa popolare Luciano Guidi, l’ex dirigente per lo sviluppo organizzativo del Comune di Legnano Enrico Barbarese e il suo predecessore Enrico Maria Peruzzi.

Le accuse

Per i primi cinque l’accusa è di aver collaborato con i tre principali indagati alla manipolazione di gare per posizioni apicali in municipalizzate e partecipate, per Guidi di aver offerto a Fratus i suoi voti al ballottaggio, in cambio di un posto per sua figlia del consiglio di amministrazione di una partecipata.

Leggi anche:  Violenze psico–fisiche su bambini: maestra asilo nido sospesa

In attesa della decisione del giudice

Contrariamente a quanto riportato in un primo momento in un’agenzia di stampa, si è ancora in attesa della decisione del giudice, cui spetta stabilire se accogliere o meno le richieste di rinvio a giudizio avanzate dal pm titolare dell’indagine.

 

TORNA ALLA HOME PAGE E LEGGI TUTTE LE NOTIZIE