E’ successo a Saronno, militari intervenuti in forze credendo fosse in corso una rapina. Invece il pulsante d’allarme era stato premuto per sbaglio.

Pulsante d’allarme premuto, portatabacchi blindato

Stava portando i tabacchi ai vari distributori stamattina quando, nella routine, ha premuto per sbaglio il pulsante d’allarme del furgone. Un allarme silenzioso, collegato direttamente coi carabinieri, utilizzato per segnalare che c’è in corso una rapina. Così ricevuta l’allerta i militari del Comando di Saronno si sono subito attivati come da procedura. Gazzelle a sirene spiegate, giubbetti antiproiettili e mitra pronti per fronteggiare i rapinatori.

Falso allarme

I carabinieri si sono quindi diretti in viale Europa fino al furgone, tracciato con un gps, accostandolo e intimando al guidatore di fermarsi. Convinti che al volante non ci fosse il trasportatore, ignaro di aver fatto scattare l’allarme, ma uno dei rapinatori. Fermato il mezzo, l’uomo è stato fatto scendere e stendere a terra. Solo in quel momento è riuscito a far capire ai carabinieri di non essere un malvivente.