Quattro presunti topi d’appartamento fermati a Rho. Il periodo estivo pare essere l’opportunità migliore per chi ha deciso di compie razzie nei nostri appartamenti e raggirare gli anziani per compiere furti e truffe.

Quattro presunti topi d’appartamento fermati a Rho

La scorsa notte, il personale del Commissariato di Rho impegnato in un servizio di contrasto al fenomeno dei in furti in appartamento, in prossimità del centro cittadino rhodense ha controllato una Opel di colore Nero con targa italiana, con a bordo 4 persone di cui due donne. I soggetti, intuito che da li a poco la squadra della Polizia avrebbe proceduto al loro controllo, hanno cercato di darsi alla fuga dirigendosi verso una piccola traversa di Corso Europa. Il pronto intervento del personale operante è riuscito però a bloccare comunque l’autovettura. I due uomini, T.B. di anni 50, S.G. di anni 28 rumeni, e le due donne, B.T. di anni 30 e D.G. di anni 30 rumene, sono stati quindi controllati minuziosamente. I quattro hanno formato ai poliziotti vaghe giustificazioni circa la loro presenza sul territorio, considerato anche il fatto che le due donne erano domiciliate nel comune di Binasco e Corsico, mentre i due uomini in provincia di Varese e Novara. Gli accertamenti e un accurato controllo sulle persone e sulla vettura, ha consentito alla Polizia di rinvenire e sequestrare a carico dei quattro un coltello a serramanico, numerosi attrezzi per lo scasso nascosti nelle portiere della vettura nonché torce illuminanti e guanti. Tra gli attrezzi sequestrati anche una grossa chiave inglese, idonea a far saltare l’intero gruppo serratura di una porta blindata. Sono stati trovati anche dei  grimaldelli per l’apertura. Le verifiche effettuate sul posto prima e in ufficio dopo , hanno confermato che il gruppo dei quattro erano esperti topi di appartamento. Tutti gli attrezzi sono stati sequestrati e i quattro denunciati per i reati di possesso ingiustificato di chiavi alterate e di grimaldelli e per il possesso di arma bianca . Ulteriormente a carico degli stessi è stato proposto il foglio di via obbligatorio per lallontanamento e il divieto di ritorno sul territorio di Rho.

Leggi anche:  In manette una 60enne di Bollate per spaccio di droga