Assalirono  il “Famila” di via Edison a Novate Milanese, ma la passione per le moto li ha traditi e i Carabinieri li hanno assicurati alla giustizia: rapinatori nei guai.

I fatti

Erano circa le 19.30 quando due soggetti, travisati con maschere e felpe con cappucci, calzando dei guanti in lattice ed armati di un machete e di una pistola, poi risultata giocattolo, avevano fatto irruzione costringendo due cassiere a consegnargli la somma contante presente in quel momento in cassa, pari a circa 2.000  euro, per poi allontanarsi repentinamente dopo la rapina a bordo di una motocicletta. Le indagini  della locale stazione  dei Carabinieri, col supporto del Nucleo Operativo della Compagnia di Rho, avevano consentito di rinvenire, durante il sopralluogo ed in un’ area verde poco distante, una pistola giocattolo e un machete, poi sequestrati.

Rapinatori individuati grazie alle moto

la videosorveglianza di un esercizio commerciale ha permesso di mettere in luce dei dettagli: i caschi indossati durante la fuga, e la motocicletta, risultata essere un particolare modello di “Aprilia RS 125” con  una particolare colorazione. Grazie all’acquisizione di questo ultimo dettaglio, i militari hanno approfondito le ricerche rinvenendo su un sito di compravendita online, un annuncio di vendita, inserito pochi giorni prima del colpo, di un motociclo esattamente dello stesso modello. Da qui l’individuazione della targa, una serie di dati e informazioni incrociate, perquisizioni domiciliari a carico di due soggetti sospettati.

Leggi anche:  Infortunio sul lavoro per un ventiseienne

Gli arresti

I due malviventi, entrambi residenti a Milano, sono stati così accerchiati.  A casa di uno dei due,  un 20enne italiano, nullafacente e pregiudicato, i militari hanno trovato e sequestrato  alcuni indumenti di interesse investigativo. Il giovane, però,  ha confessato,  venendo subito sottoposto a fermo d’indiziato di delitto ed arrestato. Una seconda perquisizione  a casa del proprietario del mezzo, un 28enne italiano residente a Milano, tatuatore, pregiudicato, ha messo in luce la corrispondenza di alcuni tatuaggi dell’uomo con  quelli rilevati sull’autore della rapina (rilevati dalle immagini di sorveglianza). Da qui,il sequestro del  motociclo, di  2 caschi integrali ed altri indumenti, verosimilmente utilizzati durante la rapina. Trovati anche  5 coltelli, 2 pugnali, 1 roncola, 1 proiettile calibro  33 e 5,34 grammi di marijuana.  L’autorità giudiziaria ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico del soggetto proprietario del motociclo ed autore della rapina, poi arrestato. I due sono in carcere.

Leggi anche:

Banda della carrozzeria di Novate incastrata dalle telecamere VIDEO