L’uomo è stato fermato da due agenti in borghese del Commissariato dopo aver preso la droga dal cantiere

Spacciatore con la droga arrestato da due poliziotti in borghese

Stavano mangiando un gelato insieme alle loro famiglie nel centro di Rho quando sono stati attirati da un cittadino straniero che ha affiancato un ciclista dicendogli di aspettare il suo ritorno in piazza. Sono stati due poliziotti in borghese ad arrestare un tunisino di 56 anni, persona conosciuta alle forze dell’ordine, che stava per cedere della cocaina a un cittadino italiano.

La droga nascosta nel cantiere di via Castelli Fiorenza

I due agenti, alla vista del cittadino straniero si sono alzati dal tavolino del bar dove si trovavano e hanno seguito l’uomo, Lo seguivano finché non si fermava presso il cantiere del teatro in via Castelli Fiorenza dove raccoglieva un contenitore, tipo quello delle sorprese degli ovetti di cioccolata, ne prelevava qualcosa e lo riposizionava dietro un jersey. A quel punto i poliziotti si sono fatti riconoscere e, nonostante il tentativo di resistenza al fine di allontanarsi o quantomeno di disfarsi di quanto aveva celato nei pantaloni, veniva bloccato e controllato. All’interno dei pantaloni lo spacciatore celava una dose di cocaina; recuperato l’ovetto contenitore, esso custodiva ulteriori 3 involucri contenenti cocaina.

Leggi anche:  Killer di gatti usa trappole da bracconaggio in Lomellina

Droga e soldi

Lo stupefacente veniva sequestrato insieme a circa 300 euro, probabile provento dell’attività di spaccio e messi a disposizione dell’autorità Giudiziaria: anche se S.A. sosteneva di averli vinti in una sala giochi cittadina. Veniva quindi accompagnato presso il Commissariato di Polizia Rho Pero con l’ausilio della volante Rho, giunta per dare ausilio ai due colleghi in borghese.

Arrestato e portato a San Vittore

Il signor S.A., cittadino tunisino di cittadinanza italiana, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, ed è stato anche denunciato per resistenza a Pubblico Ufficiale e portato a San Vittore