Grazie ai sensori segnaposto informazioni sul numero di posteggi liberi

Iniziati i lavori per installare i sensori segnaposto

Informazioni sul numero di parcheggi a pagamenti liberi più precise. Sono iniziati nei giorni scorsi nel centro storico di Rho i lavori per l’installazione dei sensori segnaposto. Le aree di sosta del centro cittadino interessate dai lavori sono via Meda, piazza Visconti, via Goglio, via Serra e via De Amicis.  I nuovi sensori previsti dal contratto stipulato con Gestopark, l’azienda che gestisce il sistema integrato della sosta della città, permetteranno di avere rilevazioni più precise sulla reale disponibilità di posti nei parcheggi segnalati sui display posizionati in diversi punti all’ingresso della città.

Grazie ai sensori una rilevazione più precisa

Già oggi i display segnalano il numero di posti liberi, ma il calcolo funzionava “incrociando” i parcheggi a disposizione con quelli che risultavano occupati dal parchimetro. Il sistema quindi non considerava i posti occupati da chi, pur avendo il titolo per parcheggiare, non era tenuto a registrarsi, come i possessori di abbonamento o le auto di servizio. E quindi i dati non erano precisi e aggiornati in tempo reale. L’introduzione dei sensori, prevista solo sui parcheggi su strada, permetterà invece una rilevazione ancora più precisa degli spazi disponibili.  In questo modo, gli automobilisti potranno orientarsi meglio tra i parcheggi disponibili, in particolare nei momenti di maggiore affluenza come il sabato o in occasione di eventi.
Come già annunciato nei giorni scorsi sono in fase di realizzazione in città anche nuovi parcheggi in alcune aree dismesse e ampliati quelli esistenti.

Leggi anche:  Gru pericolante cade su una casa a Parabiago

Nuovi posti auto in via Trecate, Serra e Biringhello

In particolare è previsto un nuovo parcheggio con 56 posti in via Trecate, vicino al Centro sportivo Molinello; uno con 12 spazi in via Serra vicino al cimitero capoluogo e 29 spazi in via Biringhello.  Infine 10 posti ricavati in via Odescalchi grazie all’introduzione parziale del senso unico di percorrenza.