Rombo dei motori per salutare per l’ultima volta l’amico rimasto vittima di un incidente.

Rombo dei motori davanti alla basilica di Corbetta

Il rombo di decine di motociclette ha accompagnato l’ultimo viaggio terreno di Luca Bonfiglio, il centauro corbettese morto a Cassinetta di Lugagnano giovedì mattina 12 luglio. Al funerale del 44enne, residente nella frazione di Castellazzo de’ Stampi e dipendente della Sc project, hanno partecipato infatti molti amici biker che hanno voluto salutare per l’ultima volta il compagno di tante avventure con la voce delle loro due ruote.

 

Luca Bonfiglio

I colleghi con le magliette nere e il logo dell’azienda

Seduti nella chiesa di San Vittore, tutti assieme e tutti con addosso delle magliette nere con il logo dell’azienda, c’erano anche i colleghi del giovane. Tanti gli amici e i conoscenti che hanno voluto stringere in un abbraccio la fidanzata e il fratello di Luca, condividendone il dolore per la prematura scomparsa.

“Affidiamoci a Dio per superare il dolore”

A celebrare la messa è stato don Bruno Pegoraro. Il sacerdote ha invitato quanti ora piangono per la perdita di Luca a fare appello alla misericordia di Dio e a rivolgersi a Lui perché Lui solo può aiutarci a superare il dolore.

Leggi anche:  Aggressioni, ubriachi e incidenti SIRENE DI NOTTE

La bara salutata da un applauso

Al termine della cerimonia, la bara è stata salutata da un lungo applauso. Dopodiché è stata accompagnata al cimitero cittadino per la sepoltura.

 

TORNA ALLA HOME PAGE E LEGGI TUTTE LE NOTIZIE