Rubati 8700 litri di carburante: scattano gli arresti domiciliari per padre e figlio.

Rubati 87oo litri di carburante: agli arresti domiciliari

Oggi, sabato 20 luglio, alle 12, è stata eseguita un’ordinanza di applicazione di misura cautelare nei confronti di due italiani di Romentino (Novara), padre e figlio di 65 e 33 anni, rispettivamente sottoposti agli arresti domiciliari e all’obbligo di presentazione alla Procura generale, autori di furti di carburante ai danni di due distributori “Eni” ubicati in Gaggiano, Strada statale Vigevanes,e e Segrate, via Rivoltana, commessi mediante l’inserimento nell’impianto di una sottospecie di calamita che permetteva l’erogazione ben oltre l’importo minimo delle banconote inserite.

Le indagini

Dalle indagini condotte dalla stazione di Milano Barona si accertava la responsabilità del padre in tutti i furti, per un totale di 8700 litri di carburante, di cui 4000 sottratti dall’8 gennaio 2018 al 26 marzo 2018 nel distributore di Segrate e 4700 tra il 15 gennaio 2018 e il 9 aprile 2018 nel distributore di Gaggiano. Al figlio viene contestato il solo furto avvenuto il 9 aprile 2018 a Gaggiano, nel corso del quale erano stati sottratti 300 litri di carburante. Gli autori sono stati rintracciati grazie alla visione dei filmati delle telecamere di videosorveglianza dei distributori, nei quali si notava l’arrivo dei soggetti a bordo di una Fiat Croma e di una Opel Frontera, intestate rispettivamente al 65enne ed in uso al figlio, ed alla moglie ma in uso allo stesso.

Leggi anche:  Ubriaco senza assicurazione e con la droga nel cruscotto: 43enne nei guai

TORNA ALLA HOMEPAGE E LEGGI ALTRE NOTIZIE