Diversi gli incendi di rifiuti nelle ultime settimane. Questa mattina, venerdì 26 ottobre, nei pressi del Comune di Arluno è stato sequestrato un altro capannone di proprietà di un’azienda operante nel campo della logistica completamente saturo di rifiuti speciali.

Sequestrato capannone ad Arluno

Molte le segnalazioni dei cittadini di Arluno che lamentavano fastidiosi odori raccolte questa mattina dai Carabinieri. Tempestiva la loro azione. Hanno infatti avvisato i colleghi del NOE di Milano al fine di effettuare mirati controlli nell’area interessata dal particolare fenomeno. L’intervento  combinato delle Forze dell’Ordine ha consentito nel giro di qualche ora di individuare un capanno industriale al cui interno erano stoccati illecitamente circa 1000 metri cubi di rifiuti, in particolare materie plastiche, che potenzialmente avrebbero potuto essere date alle fiamme anche allo scopo di cancellarne le tracce.

LEGGI ANCHE: 

Incendi rifiuti: a Milano aria irrespirabile e nuovo sequestro

Incendio in un deposito di rifiuti nella periferia Milanese FOTO

Incendio nella notte in una ditta di riciclo rifiuti a Novate VIDEO

Leggi anche:  Arrestato 49 a Cornaredo: con sé aveva della droga

Denunciato e segnalato in gestore dell’attività illecita

Il quantitativo e la tipologia di rifiuti ritrovati è tale da potersi ipotizzare non solo la realizzazione di una discarica abusiva, ma anche un’illecita attività di gestione, raccolta e smaltimento di rifiuti speciali. Per questo motivo il responsabile della ditta è stato denunciato in stato di libertà e segnalato alla Procura della Repubblica di Milano per gestione illecita dei rifiuti. Il capannone industriale, del tutto privo di autorizzazioni per lo stoccaggio dei rifiuti, è stato sottoposto a sequestro mentre sono già in corso le attività di caratterizzazione dei rifiuti rinvenuti.