150 furti in quattro mesi. Arrestate 14 persone.

Quattordici gli arrestati 

Nelle prime ore di oggi, martedì 30 gennaio, i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno eseguito, nelle province di Milano e Pavia, un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Milano nei confronti di 14 persone. 13 italiani e un moldavo di età compresa tra i 21 e i 67 anni, sono ritenuti responsabili a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata ai furti e al riciclaggio di autovetture, auto-riciclaggio e attività di gestione di rifiuti non autorizzata.

Gruppo criminale dedito ai furti di autovetture

L’indagine, condotta dai Carabinieri della Compagnia di Corsico (MI) e coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano, ha consentito di documentare, nel periodo tra settembre e dicembre 2017, l’operatività di un gruppo criminale dedito ai furti di autovetture, consumati principalmente nell’area metropolitana milanese e in alcuni comuni del pavese, e alla conseguente reimmissione sul mercato parallelo, anche estero, dei  pezzi di ricambio. Il modus operandi utilizzato prevedeva una specifica suddivisione dei ruoli tra i rei, legati da un solido vincolo, finalizzato alla commissione, nel periodo di indagine, di almeno 150 furti di utilitarie, commessi in arco diurno sulla pubblica via e all’interno dei parcheggi di diversi centri commerciali, mediante l’utilizzo di apposite centraline elaborate a seconda del modello di veicolo da asportare. Successivamente, presso un capannone ubicato ad Assago (MI) e un centro demolizioni del capoluogo, entrambi sottoposti a sequestro, i malviventi provvedevano allo smontaggio dei veicoli al fine di ricavarne componenti meccaniche e di carrozzeria da destinare alla rivendita, prima di procedere alla distruzione delle carcasse. Oltre alle suddette proprietà immobiliari, verranno sottoposti a sequestro anche conti correnti, rapporti finanziari e cassette di sicurezza, per un valore complessivo di circa 3 milioni di euro.

Leggi anche:  Ladri in azione a casa dei genitori di Matteo Salvini