Sparatoria a Strasburgo: Il legnanese Gianni Borsa, giornalista dell’agenzia di stampa Sir (Servizio informazione religiosa), e il bollatese Giuseppe Meroni, ex consigliere comunale e assistente al Parlamento europeo, nell’inferno.

LEGGI ANCHE: Sparatoria al mercatino di Strasburgo: la testimonianza del nostro collega

Sparatoria a Strasburgo

In questi giorni il legnanese Gianni Borsa, giornalista dell’agenzia di stampa Sir (Servizio informazione religiosa), e il bollatese Giuseppe Meroni, ex consigliere comunale e assistente al Parlamento europeo, si trovano nella capitale alsaziana per l’assemblea plenaria dell’Europarlamento. Ieri sera, martedì 11 dicembre 2018, sono stati esplodi tre colpi di arma da fuoco in un mercatino di Natale nel centro di Strasburgo, Francia. Meroni Borsa ne sono usciti entrambi incolti e hanno usato i loro profili facebook per rassicurare gli amici che cercavano di mettersi in contatto.

Il commento di Borsa su Facebook

“Sto bene! Sono a Strasburgo, gli amici chiamano me o casa per sapere se sto bene. Tutto ok. Grazie per l’amicizia. Ma in centro città la cosa appare grave” ha scritto Borsa intorno alle 22. Più tardi un nuovo post: “Ore 01.44 – Strasburgo. Presidente Tajani ci spiega la situazione, per ragioni di sicurezza non è possibile lasciare il Parlamento se non sotto scorta della polizia. I trasporti andranno organizzati nel corso della notte. “Il centro città al momento non è ancora sicuro”. E io abito esattamente sotto il campanile della cattedrale. Sarà una lunga notte. Ma con quello che è successo…”.
Intorno alle 3.30 l’ultimo aggiornamento: “In attesa di avere il via libera per andare a nanna… Qui silenzio surreale”.

Leggi anche:  Omicidio a Cusano Milanino: uccide il rivale in amore

Il post di Meroni

Alle 23 Meroni postava su facebook: “Pare ci sia stato un attentato o una sparatoria in centro a Strasburgo. Io sono al Pe e sto bene. Gli ultimi aggiornamenti (23:00) parlano purtroppo di 4 morti, cui va tutto il nostro cordoglio. Noi siamo ancora bloccati dentro al Parlamento, per motivi di sicurezza , visto che non hanno ancora catturato l’attentatore o gli attentatori”.

Due ore e mezza più tardi l’assistente al Parlamento europeo ha affidato l’ultimo aggiornamento sulla situazione a un video.