Anche dal consigliere regionale Silvia Scurati (Lega) “piena solidarietà agli amministratori di Magenta che non hanno fatto altro che applicare leggi e regolamenti comunali vigenti”.

Niente spazi per il ramadan, l’intervento di Scurati

Scurati è intervenuta in merito alla decisione del Comune di Magenta di non concedere lo spazio per almeno 200 persone richiesto per la festa del Ramadan dalla locale comunità islamica.
“La comunità islamica magentina può minacciare ricorsi e appelli alla magistratura ma ciò non cambia la sostanza dei fatti, ovvero che gli amministratori hanno agito basandosi sul rispetto delle norme che, nella loro città, regolano l’utilizzo degli spazi pubblici”, ha detto il consigliere regionale della Lega.

“Vanno applicate le regole”

“Cosa dovrebbero fare? Utilizzare due pesi e due misure per favorire la comunità musulmana? E’ evidente che la questione non ha a che fare con la discriminazione religiosa ma si tratta unicamente di applicare a tutti i cittadini, e quindi anche alle persone di fede islamica, quanto previsto dalle regole comunali”. “Anche per questo – conclude Scurati – non posso che sostenere l’azione della giunta magentina e di tutti quei Sindaci che in casi analoghi hanno il coraggio di opporsi a questo tipo di richieste”.