Tenta di rapinare una ragazza alla stazione di Rovellasca. E’ accaduto ieri pomeriggio. L’uomo, ubriaco e già noto alle forze dell’ordine, ha dato in escandescenze e aggredito anche i carabinieri.

Tenta di rapinare una studentessa alla stazione dei treni

Ha tentato di rapinare una ragazza di 16 anni che stava aspettando il treno in stazione. E’ accaduto sabato a Rovellasca nel primo pomeriggio. Erano circa le 15.30 quando un 42enne di Valsolda in provincia di Como, già noto alle forze dell’ordine e in evidente stato di alterazione, si è avvicinato a una studentessa chiedendole di dargli 30 euro. Di fronte al rifiuto della ragazza, ha dato in escandescenze.

Le urla e i sassi contro la ragazza

La 16enne, spaventata, si è allontanata andando a sedersi su un’altra panchina accanto a un’altra ragazza che stava aspettando il treno. Il 42enne però l’ha raggiunta aggredendola verbalmente con urla e ingiurie poi iniziando a lanciarle contro dei sassi. A quel punto la studentessa, sempre più terrorizzata, ha cominciato a correre verso il sottopassaggi per raggiungere il bar. Tutto questo mentre lui la seguiva, cercando di colpirla con delle pietre.

La 16enne si rifugia al bar

Raggiunto il bar è stata subito soccorsa da alcuni avventori che l’hanno messa al sicuro. Subito è stato dato l’allarme e sono state chiamate le forze dell’ordine, arrivate poi sul posto. Il 42enne, sempre più fuori controllo, ha scagliato la sua rabbia contro una coppia di anziani che si stava prendendo cura della giovane, ancora sotto choc, quindi ha continuato a prendere a sassate le persone che stavano aspettando il treno, infine ha fatto irruzione nella sala d’aspetto spaccando quello che gli capitava.

Leggi anche:  Maxicontrolli della Polizia locale: sequestrati droga e soldi

Arrivano i carabinieri, arrestato

Sul posto è stata inviata una pattuglia dei carabinieri della stazione di Turate, alla vista del militari l’uomo si è scagliato anche contro di loro aggredendoli, poi ha cercato di scappare ma è stato bloccato e arrestato. Lunedì comparirà davanti al giudice per il rito per direttissima.

I ringraziamenti del padre

Il padre della giovane tramite la pagina Facebook di Sei di Rovellasca se… ha voluto ringraziare quanti sono intervenuti per proteggere e mettere al sicuro la figlia. “A tutti va il nostro più profondo ringraziamento. Fortunatamente è andato tutto bene, grazie a chi si è preso cura di nostra figlia, che è una ragazza in gamba e coraggiosa, nonostante la paura ha subito cercato aiuto”, ci ha detto il padre.

 

TORNA ALLA HOME