Artisti favelas protagonisti con lo spettacolo «Les bords du monde», l’8 marzo.

Artisti favelas insieme a «Pé no Chao» di Saronno

«Uno spettacolo forte, emozionante e sociale!». Lo promettono i volontari del gruppo «Pé no Chao». Presentano lo spettacolo «Les bords du monde» con la compagnia Ophélia Théâtre. Andrà in scena l’8 marzo, alle 21, al teatro Giuditta Pasta di Saronno. Info e prenotazioni: 340 4832931 – 02 87089312.

Uno spettacolo tra danza e musica

Artisti delle favelas del Brasile, della Siria, delle zone periferiche del Marocco, del Togo o della Costa d’Avorio, per uno spettacolo innovativo, che supera i confini tra culture, lingue e discipline. Artisti da tutto il mondo, guidati da un’energia collettiva che scuote e colpisce il pubblico europeo, come nel caso delle ultime performance: “Le soleil juste aprés” o “Magie Noire”. Alla confluenza della danza e della musica, essi ci parlano delle periferie del mondo, di questo grido dalla fine del mondo che solleva i corpi e mette in moto esilio e migrazioni. Superando confini geografici o sociali. E trasmettendo con i corpi un’energia vitale dalla comune urgenza che brucia in tutti noi.

Leggi anche:  Giornate di Primavera dei Fai: sei tappe nelle due Venegono

In scena la compagnia Ophélia Théâtre

Lo spettacolo è organizzato dalla Compagnia Ophélia Théâtre (Francia, Rhône-Alpes) e Laurent Poncelet, il suo direttore, in collaborazione con il Gruppo Pe No Chᾶo di Saronno (Varese). Sul palcoscenico, una squadra di 12 artisti provenienti da Brasile, Marocco, Togo, Haiti e Siria – in particolare con i partner Grupo Pe No Chᾶo (Recife, Brasile) e Alwan’art / Eclats de lune (Marrakech, Marocco), Cie Zigas (Togo), Frères Malas (Siria), Académie de danse Tempo Plus (Haïti) e Cie Buissonière (Belgio).