Dopo anni di stop alla programmazione cinematografica, il cinema Grassi di Tradate riaprirà con un nuovo gestore.

Cinema Grassi, da ottobre si torna in sala

Undici film i martedì, tre la domenica pomeriggio e due il sabato sera. Torna a riaccendersi dopo alcuni anni di stop il proiettore 4k del cinema Grassi di Tradate. La sala comunale, salvata dalla demolizione dall’amministrazione di centrosinistra su pressione del consigliere Rolando Codato e ristrutturata recentemente grazie ai fondi reperiti in coda a quegli anni e confermati dal centrodestra si prepara a nuova vita. A metà ottobre la riapertura e l’inizio di una fase sperimentale con un nuovo gestore che durerà fino a fine anno.

La programmazione

Il palinsesto del Grassi sarà concentrato sul martedì sera, “serata che i cittadini ormai riconoscono come quella dedicata al cinema, in continuità con la passata gestione”, spiega l’assessore alla Cultura Erika Martegani. Qui le pellicole seguiranno quattro filoni: “Storie di musica” con, tra gli altri, i film sulla vita di Freddie Mercury e di Elton John, “Storie di dolore e gioia”, “Storie di strade sbagliate” e “Storie di scienza e arte”, che saranno proiettate anche nel pomeriggio. Gli altri esperimenti riguarderanno invece i film del sabato sera, rivolti soprattutto agli adolescenti, e quelli della domenica pomeriggio per le famiglie.

Leggi anche:  Piede d'Oro, al via domenica la Stracascine di Albizzate

LEGGI ANCHE: Dalla Luna a Tradate: ospite al Grassi Alfred Worden, astronauta dell’Apollo 15

Costo zero

Altra novità, l’accordo stipulato tra il Comune e il gestore. A differenza del passato, quando il Comune versava un canone a una società e lasciava a questa anche l’incasso dei primi 100 biglietti, ora l’operazione sarà a costo zero per le casse pubbliche al netto dei costi per luce e riscaldamento: al gestore non sarà versato alcun contributo e in cambio questo incasserà la totalità dei biglietti staccati (5 euro l’intero, 4 euro per under 18 e over 65).

“Progetto di qualità”

Soddisfatto l’assessore Martegani: “E’ un progetto che promette qualità e che ci permette di riportare un’importante occasione di cultura in città per la quale in passato si è investito molto. Nei prossimi mesi potremo valutare la risposta della cittadinanza, e sulla base di questa tarare il prossimo bando per la gestione per cercare di migliorare ancora di più. Proprio per questo, mi piacerebbe ci fosse anche un’associazione che voglia affiancare il gestore della sala, così da ampliare e arricchire l’offerta cinematografica”.

LEGGI ANCHE: Cinema Grassi in arrivo i fondi regionali