Si sono chiuse le lezioni dedicate alla formazione dei volontari alla Collegiata Castiglione. Ora si apre un calendario di eventi.

Collegiata di Castiglione, un tesoro da custodire

Patrimonio da custodire e diffondere anche grazie ai volontari. E’ quanto afferma la dottoressa Marazzi, Conservatrice e Responsabile del Servizio didattico del Museo della Collegiata di Castiglione Olona, in occasione della chiusura del corso di formazione. Un’occasione questa di scambio e di crescita personale in cui la condivisione di momenti formativi è, spiega, «un’esperienza di confronto e reciproco arricchimento». Al corso, tenutosi a febbraio, hanno partecipato sia nuovi volontari che coloro che sono impegnati in questo servizio alla comunità da più tempo. Scopo, conoscere e approfondire la storia e il pregio artistico e architettonico del complesso della Collegiata di Castiglione.

Aggiornamento continuo

“Mi è piaciuto vedere l’atteggiamento che non si è mai finito di imparare ed è bello trovare occasioni in cui ci si trova tutti insieme”, continua la conservatrice. Che prosegue: “Il bello è la ricerca che progredisce, gli elementi di novità che emergono dalle opere che sono state restaurate. Vedere lo sguardo degli altri su cose che posso conoscere bene, sentire i commenti che rendono chiari aspetti inediti o rimandano a riferimenti che non avevo pensato e ciò è utile sia ai volontari che alla mia professione».

Leggi anche:  Anni 60 protagonisti a Saronno

Domenica prima presentazione del vino della Collegiata

Prossimo evento domenica 18 alle 15.30 per la presentazione delle prime bottiglie del vino della Collegiata di Castiglione, iniziativa benefica e di nuova promozione del complesso e del territorio. Prossimamente, inoltre, la dottoressa Marazzi terrà un incontro sulla chiesa di Ville e una nuova occasione di formazione specifica per le guide turistiche abilitate. Per informazioni: didattica@museocollegiata.it