Don Davide Bertocchi, parroco di San Vittore Olona, ha salutato tutti con una cerimonia commossa. Inizierà la sua nuova esperienza in un quartiere periferico di Pozzuoli, in Campania.

Don Davide Bertocchi, “grazie a tutti”

Una cerimonia commovente, piena di ricordi, di parole di affetto. Poi un aperitivo in piazza per brindare all’esperienza, nuovissima, che lo aspetta. Don Davide Bertocchi, parroco di San Vittore Olona dal settembre 2014, ha ricevuto il caloroso abbraccio da parte della comunità domenica 15 settembre 2019 con la santa messa delle 11. Come noto, lascerà il paese per nuovi studi e attività nella periferia di Pozzuoli. Al suo posto arriveràdon Giuseppe Pediglieri, attualmente guida della parrocchia di San Bartolomeo in Val Cavargna, in provincia di Como.
Per Don Davide, come annunciato da lui stesso, “una vocazione nella vocazione”: “La cosa che mi ha commosso è come voi avete risposto a questa mia scelta, per me la vostra risposta è stata una conferma” – ha ricordato don Davide nell’omelia rivolgendosi ai presenti e ha poi ringraziato “i preti, i seminaristi, le istituzioni, le associazioni, gli ammalati e tutti gli amici che in questi anni abbiamo accompagnato in Paradiso, tra questi don Giuseppe Magni e don Giovanni Giuliani“.

LE FOTO:

La parola ai concittadini

Il primo a intervenire per i saluti è stato il sindaco Daniela Rossi che ha portato in dono due libri: “A nome della comunità ti ringrazio per la presenza, il lavoro e l’impegno, sei stato un sacerdote, un parroco moderno vicino alla persone e ai giovani che sono importanti per la nostra società”; poi i giovani stessi: “Grazie perchè ci hai insegnato a guardare a guardare dentro noi stessi, per non aver mai chiuso la porta, per aver creduto in ognuno di noi, per aver messo in risalto ogni nostro talento anche quello più nascosto, per averci insegnato a stare in koinè, nonostante le differenze; per averci fatto capire che l’altro è un dono, non un ostacolo, perchè nonostante i tuoi mille impegni hai sempre trovato tempo per ognuno di noi. ti auguriamo uno splendido nuovo cammino”.
Poi è stata la volta delle associazioni: sull’altare Alberto Fedeli di “Una casa per Pollicino” e Marita Maggioni del Comitato accoglienza bambini di Chernobyl, a nome di tutte le associazioni, hanno consegnato a don Davide una maglietta con la scritta “San Vittore Olona: forever and ever my town!. “Cinque anni fa – ha ricordato Fedeli -, ti avevamo accolto donandogli una maglietta con la scritta: “SVO: This is my town”. Ti sei così vestito della nostra comunità, non le ha imposto un suo vestito. Ma poi con quella comunità ‘indossata’, pienamente accolta su di lui, ha camminato sulle nostre strade, con noi. Ed è stato un bellissimo cammino. Ora questa maglietta: ecco, don Davide, portala sempre con te, continua a mantenere su di te e nel tuo cuore San Vittore Olona, la sua comunità, restale vicina nella preghiera: è e resterà sempre il tuo paese”.
“Un grazie per aver fatto capire che nessuno è diverso e per la vicinanza ai nostri nonni” l’intervento di Carmen Colombo Galli, presidente della Castoro Sport di Legnano e coordinatrice della Casa Famiglia di San Vittore Olona.
Poi l’uscita dalla chiesa “scortato” dagli amati Scout del Gruppo Legnano Uno, la benedizione e aperitivo in piazza.

Leggi anche:  Niente presepe in piazza, Morlacchi ribatte

TORNA ALL’HOMEPAGE DI SETTEGIORNI.IT PER LE ALTRE NOTIZIE