L’11 febbraio il regista saronnese Luciano Silighini Garagnani sarà al Festival del Cinema di Berlino coi suoi nuovi progetti.

Festival del Cinema di Berlino e il “ponte” fra Italia e Usa

Lunedì 11 febbraio il regista e produttore saronnese, ed ex candidato sindaco, Luciano Silighini Garagnani sarà protagonista del Festival del Cinema di Berlino. Alle 17 salirà infatti sul palco al Martin Gropius Bau nel complesso dell’Italian Pavilion della 69^ edizione del Festival del Cinema di Berlino. Silighini lì presenterà  i nuovi progetti del “The Bridge” il ponte tra l’Italia e gli Stati Uniti dove la “The Silighini Company” sta investendo la maggior parte del proprio background da quasi un anno.

Dopo Cannes, Berlino

L’Italian Pavilion è realizzato dall’istituto Luce,Cinecittà in collaborazione con Anica e con il contributo della Direzione Generale Cinema del Ministero dei Beni Culturali. Già allo scorso Festival di Cannes c’è stato un evento con al centro Silighini e Berlino è la continuità di questo progetto che culminerà a Hollywood il 25 febbraio dove nel tradizionale “Triumph of the made in Italy” ,che da 10 anni Silighini organizza sulla terrazza sopra il Dolby Theatre proprio nei giorni degli Oscar, verrà presentato nella capitale mondiale del cinema l’ambizioso progetto ideato dal regista italiano: unire Milano e Los Angeles in un “virtuale ponte” che realmente porterà a uno scambio di risorse umane e idee tra chi vuole fare cinema in Italia ed esportarlo negli States e reciprocamente portare le grandi Major Hollywoodiane a riscoprire sempre più il Bel Paese come set.

Leggi anche:  Teatro nei Cortili, si riapre il sipario a Tradate

Scommesse fantasy

A Berlino Silighini presenterà le nuove pellicole che verranno realizzate nel 2019. In particolare i due fantasy “Teshuvah” e “The Witches of Marian” e la pellicola già terminata “Dance of the hearts” che proprio a febbraio inizierà la distribuzione a Los Angeles. Un film incentrato su alcuni immortali dotati di anima e realizzato con una tecnica particolare. Una scommessa rischiosa, come la chiama il regista, che omaggerà i capolavori degli anni ‘20 e ‘30, Nusferatu, le saghe di Vincent Price e che sicuramente non lascerà impassibile la critica. L’evento berlinese continuerà con una cena di gala al ristorante Italiano “Essenza” proprio nel centro della Potsdamer Platz della capitale tedesca a cui Silighini è molto legato viste le sue annuali partecipazioni alla kermesse cinematografica berlinese.

LEGGI ANCHE: “Weinstein è innocente”: maglietta choc di Silighini a Venezia