L’Aurora di Inveruno partecipa, per il quarto anno consecutivo, alla rassegna “In corto” promossa dall’Amministrazione di Robecco sul Naviglio.

L’Aurora di Inveruno: il “Dialogo”

Poco più di quattro minuti particolarmente intensi, in cui guardarsi allo specchio, raccontare le proprie paure,  tirare quello che di più intimo e nascosto c’è nel proprio vissuto, attraverso un costante crescendo di voci ed emozioni.  Anche quest’anno i ragazzi dello SFA (Servizio di Formazione all’Autonomia) di Inveruno “L’Aurora” gestito dal Gruppo Fondazione Mantovani Sodalitas partecipano alla rassegna “In corto” promossa dall’Amministrazione di Robecco sul Naviglio. L’argomento al centro di questa rassegna è  il “Dialogo”. Saper dialogare con se stessi, ma anche dialogo con un mondo che non sempre accetta chi ha avuto dalla vita una strada in salita.

La parola alla coordinatrice Calloni

“E’ dal 2016 – spiega la Coordinatrice Gabriella Calloni –  che prendiamo parte a questa bella iniziativa, realizzando in proprio un nostro cortometraggio in linea con le diverse tematiche scelte di anno in anno. Per i nostri ragazzi, così come per tutti gli operatori,  è un momento molto importante perché diventa lo sbocco naturale di un progetto educativo che viene portato avanti nel corso dei mesi”. E sul tema di quest’anno ricorda: “I ragazzi dello SFA hanno per lo più un’età compresa tra i 25 e i 30 anni. Hanno forme di disabilità lieve e il nostro obiettivo è quello di accompagnarli in un percorso di vita autonoma”.

Leggi anche:  27esima edizione del FAI: molti nostri territori coinvolti

La trama

La trama del corto è nata all’interno dei martedì pomeriggio dedicati ai “Liberi pensieri” insieme alla psicologa Flora. Da qui la costruzione di questo cammino, a tratti terapeutico, che Marco, Guido, Arianna, Davide e tutti gli altri ragazzi dello SFA hanno deciso di compiere insieme con l’aiuto  degli educatori Laura e Stefano che si sono occupati delle riprese. Mentre le musiche sono state composte da Paolo Gelindo Gualdoni.  “I liberi pensieri, sono un momento di confronto assai significativo – osserva Calloni – durante il quale è stata sviluppata la storia e l’ambientazione della nostra proposta”.

Cortometraggio ambientato in Villa

Il cortometraggio ambientato nella stupenda cornice di Palazzo Clerici a Cuggiono, ha visto il coinvolgimento di tutta la struttura dello SFA. Si è trattato di una grande occasione per trasformare in un messaggio positivo e fortemente inclusivo, oltre che un gesto di coraggio,  le difficoltà che questi ragazzi incontrano nel quotidiano. “Adesso – conclude la Coordinatrice Gualdoni – attendiamo fiduciosi la serata finale del prossimo 12 aprile al Cine Teatro Agorà di Robecco sul Naviglio.  Il nostro auspicio naturalmente è che la passione e l’impegno dei nostri ragazzi  venga ricompensata. Ma questa esperienza indipendentemente dall’esito finale, ci ha regalato mesi di lavoro davvero intensi ed emozionanti per ciascuno di noi”.

TORNA ALLA HOME E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE.