Nuova biblioteca a Robecchetto: tante le persone e gli amministratori del territorio giunti per il taglio del nastro, che si è tenuto domenica 25 novembre alle 18.

Nuova biblioteca: l’inaugurazione

Il momento più atteso è stato il taglio del nastro della nuova struttura che sorge in via Novara 11, la biblioteca dedicata ad Alda Merini. Presenti all’inaugurazione, oltre al primo cittadino di Robecchetto Giorgio Braga e all’assessore all’Istruzione Annalisa Baratta, anche i membri dell’Amministrazione robecchettese, il giovane sindaco del Consiglio comunale dei ragazzi, Endi Tufa, il primo cittadino di Castano Giuseppe Pignatiello, quello di Arconate, Andrea Colombo, il primo cittadino di Nosate Roberto Cattaneo e Carla Picco di Magnago. Oltre a loro, anche l’assessore alla Cultura di Mesero Federico Scarioni, il delegato alla Cultura di Cuggiono Luigi Tresoldi, Nicoletta Saveri di Inveruno e il vicesindaco vicario di Boffalora Fulvio Colombo. A prendere parte a questo importante momento anche il presidente della Fondazione per Leggere, Gianfranco Accomando.

“Uno spazio inclusivo”

Tanti i robecchettesi accorsi in via Novara per ammirare la nuova biblioteca del paese. Uno spazio che diventi un polo di attrazione per tutta la zona: questa la speranza dell’Amministrazione. “La nuova biblioteca – ha spiegato Braga – sarà uno spazio inclusivo e aperto a tutti, di vita sociale e di promozione dell’aggregazione del paese. Questo è il nostro sogno». Un’idea sostenuta anche dalla Fondazione per Leggere. Ha spiegato infatti Accomando: “La biblioteca non dev’essere solo uno spazio per archiviare libri, ma un luogo da vivere. E uno spazio così bello come quello di Robecchetto, attirerà di sicuro persone anche dai paesi vicini”.

Leggi anche:  Presepe a Inveruno, una nuova ambientazione

Tre giorni di eventi

E dopo la serata pensata per svelare il nuovo logo e il nome della biblioteca, giovedì 22 novembre, si è continuato sabato 24 novembre con il concerto del duo Concito/Magistroni, dedicato al compositore Gioacchino Rossini, a cui sono seguite delle letture pensate dalla neonata Associazione Amici della Biblioteca. Dopo il taglio del nastro di domenica 25 novembre, il pubblico, in occasione dell Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, ha potuto ascoltare il reading teatrale liberamente ispirato all’omonimo libro di Lucia Annibali “Io ci sono”. Regista e protagonista: Donatella Bartolomei, in scena con Alessandro Conedera e Giulia Gai.

LEGGI ANCHE: Nuova biblioteca a Robecchetto, svelati nome e logo

E ANCHE: Ex Filanda, conto alla rovescia per la nuova biblioteca