I soci del Gat visitano il laboratorio Virgo in Toscana e ne parlano lunedì sera in un incontro dedicato alle onde gravitazionali.

Alla scoperta delle onde gravitazionali

Il 21 giugno una trentina di soci del Gat ha avuto la possibilità di visitare a Cascina, di Pisa il grande laboratorio Virgo che, unico in Europa, è riuscito, in sincronia col laboratorio americano Ligo, a rivelare il più flebile dei fenomeni previsti da Einstein, vale a dire  l’emissione di onde gravitazionali. Sarà  l’argomento della prima delle serate autunnali del Gruppo astronomico tradatese  programmata  per lunedì 8 ottobre alle 21 a Villa Truffini Tradate centro)

 Relatori dell’incontro Guaita e Bardelli

Relatori della serata: Cesare Guaita, presidente Gat, per la parte più tecnica  e Paolo Bardelli per la parte più documentaristica.

 

 Cos’è il laboratorio Virgo

Virgo, costituito da due gallerie perpendicolari sotto vuoto spinto lunghe 3 km è nato da una collaborazione italo-francese ed è stato completato nel 2003. “Da allora, – spiega Guaita –  insieme a due strumenti simili situati negli USA (i Ligo), ha iniziato una vera e propria caccia spietata alle onde gravitazionali; che si è  conclusa alla metà di agosto 2017  con  la rivelazione di alcune impercettibili deformazioni dello Spazio-Tempo (le onde gravitazionali appunto) prodotte da alcuni violenti eventi cosmici, quali esplosioni di lontane supernovae e scontri di buchi neri”.