Al parco Pineta un laboratorio per grandi e piccini: costruiamo insieme un nido artificiale per offrire ospitalità e protezione agli uccelli.

 

Costruiamo insieme un nido per gli amici pennuti

La ricorrenza di San Martino è una data importante perché indica il momento giusto per rispolverare o preparare le nuove mangiatoie che hanno necessariamente bisogno di un periodo di “purificazione” al fine di eliminare le tracce lasciate dall’odore umano o dalle cantine (luogo di ricovero invernale) per offrire un ristoro ai piccoli abitanti del bosco che si avventurano vicino alle abitazioni in cerca di nutrimento.

Questo gesto di amore nei confronti degli amici pennuti deve però seguire 4 regole ben precise onde evitare di arrecare loro danni indiretti;  regole che verranno svelate al laboratorio.

Il presidente: “Affascinare i bambini e aiutare gli amici animali”

“Un piccolo gesto dai poliedrici risvolti quello della cura di una mangiatoia; dalla possibilità di incantarci con i nostri bambini davanti al frenetico andirivieni dei piccoli uccelli (Cinciallegre, Cinciarelle, Cince dal ciuffo e tanti altri) alla possibilità di dare un modesto seppur significativo aiuto ai nostri amici animali”, commenta Mario Clerici, presidente del Parco Pineta di Appiano Gentile e Tradate

 

Intrattenimenti, storie, escursioni, laboratori per costruire nidi per uccelli

Costruiamo insieme una mangiatoia o una cassetta nido per gli amici animali. Durante la giornata oltre ad un laboratorio didattico creativo, i visitatori più piccoli costruiranno, “guidati” dalle Guardie Ecologiche Volontarie, mangiatoie o cassette nido da collocare vicino alle proprie case, per uccelli, coccinelle ecc… ( è richiesto un contributo per il materiale) con materiale di riciclo. Non mancheranno gli intrattenimenti: il raccontastorie e il truccabimbi che permetterà ai bimbi di trasformarsi in abitanti del bosco. E per i grandi escursioni e visite guidate al sentiero natura e all’osservatorio astronomico di via ai Ronchi. Non mancheranno i giochi con la palestra di Orienteering: novità assolutamente da provare all’interno dell’area del Centro Didattico e la App Etersia.  I più tecnologici potranno provare il connubio tra natura e tecnologia, “vi faremo attraversare il Parco partecipando a prove di abilità, quiz e incontrando personaggi immaginari, sfida in cui solo i migliori arriveranno alla fine.  – spiegano dall’ente – Immergetevi nel mondo di Etersia con la nuova App, scaricabile da App store e Google Play ma fruibile solo in loco lungo il Sentiero F.A.T.A. (consigliamo di scaricarla già a casa per non intasare la rete del Parco). Infine, ma non meno importante, a chi proverà l’App verrà consegnato un regalo”.