Inizio d’autunno con brutte sorprese in bolletta: come annunciato dall’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (Arera), nell’ultimo trimestre 2018 l’elettricità aumenterà – per la famiglia tipo, che ha cioè consumi medi di energia elettrica pari a 2.700 kWh all’anno – del 7,6%, mentre per il gas sulle spalle della famiglia tipo – i cui consumi sono di 1.400 metri cubi all’anno – graverà un incremento del 6,1%. Visto che stiamo andando incontro all’inverno, le associazioni dei consumatori hanno calcolato che gli aumenti sugli importi da pagare in bolletta saranno mediamente di 32 euro/anno per l’elettricità e di 61 euro/anno per il gas. E già c’era stato un incremento della spesa energetica nel secondo trimestre, pari a circa il 6,5% per l’energia elettrica e all’8,2% per il gas naturale…

Quali le cause e le conseguenze?

Nel caso dell’energia elettrica l’aumento è dato prevalentemente dall’incremento del costo di acquisto della materia prima (+7,3%) e da un lieve incremento dei costi di dispacciamento (+0,3%).
Nel caso del gas, sono i costi di approvvigionamento a contribuire maggiormente all’aumento (+4,5), seguiti dal servizio di trasporto (+1,3%). Le utenze luce e gas sotto il servizio di Maggior Tutela, quelle del mercato tutelato, ne sono direttamente interessate perché seguono le tariffe definite ogni tre mesi dall’Autorità. Ne sono esenti i clienti del mercato libero che abbiano sottoscritto un’offerta a prezzo fisso (in cui il prezzo della materia prima è fissato e bloccato nel tempo).

Nuovenergie risponde con contratti bloccati e servizi aggiuntivi molto convenienti

Gli incrementi in bolletta non toccheranno, quindi, i clienti di Nuovenergie che hanno sottoscritto contratti per l’energia elettrica con il prezzo bloccato per 12 mesi, che mette al riparo da rischi di aumenti come questi. Per cui se anche si alza il costo della materia prima, il prezzo per la luce imposto da Nuovenergie resta invariato. «Lo diciamo spesso ai nostri clienti – afferma il direttore generale di Nuovenergie, Luca Galetti – Chi sottoscrive un contratto con il prezzo bloccato non fa un favore alla nostra società, ma si tutela almeno per un anno dalle variazioni dei prezzi. Basta vedere quanto hanno potuto risparmiare quest’anno con il duplice aumento che c’è stato…».
E non ci si limita a questo. Per sostenere le famiglie in questo delicato momento in cui si avvicina l’uscita dalla crisi, la società rhodense sta predisponendo una serie di servizi aggiuntivi molto vantaggiosi e offerte a cui sarà molto conveniente aderire. Infatti, si sta valutando la possibilità di aggiungere ai contratti di luce e gas l’attivazione di una polizza di assistenza casa a condizioni particolarmente favorevoli. Così come sono in fase di definizione con alcune società delle convenzioni per la manutenzione delle caldaie, in modo che i clienti di Nuovenergie possano spendere di meno e abbiano la garanzia di un servizio di qualità. Infine, nei piani alti della società di corso Garibaldi si sta preparando un accattivante programma fedeltà che garantirà ai clienti la possibilità di riscuotere premi o sconti interessanti.
«Stiamo portando avanti un lavoro complesso – aggiunge Galetti – Vogliamo poter andare dai nostri clienti non solo per proporgli un ottimo servizio di erogazione di gas e luce; desideriamo poter offrire anche una serie di prestazioni/benefici connessi davvero vantaggiosi. Siamo convinti che lavorare per fidelizzare il nostro cliente è fondamentale: perché un cliente soddisfatto ha un valore straordinario».
Vanno in questo senso anche le novità in arrivo prima della fine dell’anno, con offerte e premi in occasione delle feste di Halloween e di Natale.

Leggi anche:  Villa Reale a Monza "illuminata" per agroalimentare, bio, verde e per la ricerca GALLERY

Per ulteriori informazioni sui servizi di Nuovenergie, visita il sito: www.nuovenergiespa.it